Napoli, da domani stop temporaneo Mostra e Capodichino. Esaurite le dosi Pfizer

di Rosaria Claudia Romano
2 mesi fa
9 Maggio 2021

Dalla direzione strategica dell’Asl Napoli 1 Centro fanno sapere che: “Da lunedì non sarà possibile garantire somministrazioni nei centri vaccinali di Mostra d’Oltremare e hangar Atitech”.

Napoli, terminano le dosi Pfizer

A Napoli sono ormai esaurite le scorte di vaccino Pfizer; fino a mercoledì non sarà possibile garantire le somministrazioni nei centri vaccinali di Mostra d’Oltremare e hangar Atitech.

La Direzione Strategica dell’Asl Napoli 1 Centro chiarisce: “Avendo esaurito le scorte di vaccino Pfizer, e in considerazione del programma delle prossime forniture, è ormai evidente che da lunedì non sarà possibile garantire le somministrazioni nei centri vaccinali di Mostra d’Oltremare e hangar Atitech”

Inoltre, la Direzione strategica dell’Asl Napoli 1 Centro, ribadisce il problema “dell’assoluta mancanza di dosi di vaccino a m-Rna con quantità sufficiente rispetto alla capacità di somministrazione”.

Da domani stop temporaneo

A causa della carenza dei vaccini a disposizione, “a partire da domani, e fino almeno alle 14 di mercoledì, quando da Roma dovrebbero arrivare nuove forniture, la campagna vaccinale dell’Azienda sanitaria locale di Napoli potrà proseguire solo a scartamento ridotto, compromettendo di fatto il raggiungimento dell’obiettivo minimo giornaliero assegnato dalla Regione Campania”.

L’Asl di Napoli 1 Centro

Il direttore generale della Asl di Napoli Ciro Verdoliva spiega in ultimo che: “la sola Asl Napoli 1 Centro garantisce in media la somministrazione di 12mila dosi al giorno, contribuendo in maniera significativa al raggiungimento del target quotidiano di 48.200 dosi al giorno assegnato alla nostra regione da parte del commissario straordinario di Governo. E evidente che questo stop avrà conseguenze importanti sull’andamento della campagna vaccinale in Campania”. (fonte Adnkronos)

 Nel frattempo il governo punta sulle riaperture

L’Italia potrebbe presto varare nuove aperture se i dati incoraggianti di questi giorni consolideranno la tendenza.

Il premier Mario Draghi

Da Oporto, ribadisce la volontà del governo di “riaprire ma farlo con la testa”. Bisogna “calcolare bene il rischio – aggiunge – i dati sono abbastanza incoraggianti.

Se l’andamento dovesse continuare in questa direzione, la cabina di regia procederà ad altre riaperture”.

Il presidente del Consiglio Draghi

Evidenzia poi come “la mossa di Joe Biden” sul tema dei brevetti dei vaccini anti-Covid abbia “aperto una porta.

Che questa sia una massa tattica, diplomatica degli Stati Uniti per battere la politica del vaccino di Russia e Cina, non lo credo”. La proposta del presidente americano “ha aperto una porta, poi vedremo. C’è chi protegge la sacralità del brevetto e chi è più aperto”.

Sulle riaperture bisogna “calcolare bene il rischio. I dati sono abbastanza incoraggianti e se l’andamento dovesse continuare in questa direzione, la Cabina di regia procederà ad altre riaperture. E’ importante essere graduali, anche per capire quali riaperture avranno piu’ effetto sui contagi e quali meno”, prosegue Draghi.
Leggi anche: Cadavere carbonizzato in un campo, aveva 40 anni. E’ giallo sui motivi: l’identità dell’uomo
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo