L’ Italia si tinge di giallo, arriva l’ordinanza: cosa cambierà dal 17 maggio

di Rosaria Claudia Romano
1 mese fa
14 Maggio 2021

L’Italia si tinge di giallo. Arriverà in serata la firma alla prossima ordinanza del ministro Speranza. In verità, le ordinanze saranno più di una e si baseranno sui dati raccolti e analizzati dal monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità. Lo scopo ultimo di queste ordinanze sarà quello di modificare i colori delle Regioni a partire da lunedì 17 maggio.

Una regione, ed una soltanto – almeno per ora – ,rimarrà in zona arancione per almeno un’altra settimana. Invece, nel resto del Paese si continuerà con il programma delle riaperture, a partire dalle piscine all’aperto che già da domani, potranno tornare alla vita.

Italia in giallo, quale regioni cambieranno colore

Finalmente per Sardegna e Sicilia arriva il tanto atteso passaggio in zona gialla. Niente da fare, invece, per la Valle d’Aosta, che resta ancora in zona arancione, almeno per tutta la prossima settimana.

La decisione viene presa dal ministro della salute Roberto Speranza alla luce dei dati del monitoraggio Istituto superiore di sanità che dalla prossima settimana, potrebbe cambiare i parametri di analisi.

Italia, cala l’RT

Tutte le altre Regioni italiane resteranno ancora in zona gialla, anche in virtù di un calo generale dell’indice Rt registrato negli ultimi giorni. A giocare un ruolo importante è stata anche l’incidenza settimanale ogni 100mila abitanti. Con l’aggiunta delle due isole, sono 18 le Regioni in zona gialla.

Riaperture di bar e ristoranti

Sul fronte riaperture, in zona gialla è stato messo in atto già da ormai tre settimane il programma di riaperture del governo Draghi.

Finalmente, bar e ristoranti potranno servire i loro amati clienti al tavolo, anche se ancora solo all’aperto. La possibilità di andare a bar e ristoranti resta valida fino a che non scatta l’orario del coprifuoco.

Cinema e teatri

Potranno finalmente aprire anche cinema e teatri, che però dovranno seguire i protocolli di distanziamento in sala.

Per quanto concerne gli spostamenti, invece, questi sono liberi all’interno della propria Regione. E’ possibile muoversi anche al di fuori della propria regione di residenza purché si tratti sempre di zona gialla. Dal 15 maggio riaprono anche le piscine all’aperto. (Fonte FanPage)
Leggi anche: Martina Rossi, arriva la condanna per i suoi aguzzini. Non è stato suicidio: “Precipitò per salvarsi dalla violenza
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo