Connect with us

campania

Sant’Antimo piange la maestra Maria, un malore improvviso l’ha portata via. Lacrime e dolore tra gli alunni, era amata da tutti

Published

on

Sant'Antimo

SANT’ANTIMO. Maria ha un malore improvviso e muore sul colpo. Lutto a Sant’Antimo per la morte di Maria Puca, docente dell’istituto Giacomo Leopardi. A darne notizia proprio la pagina Facebook dell’istituto di via Svizzera dove Maria insegnava da anni.

Sant’Antimo – Il malore improvviso e il decesso

Le circostanze del decesso non sono ancora note. “Il dirigente, i docenti e il personale tutto dell’IC Leopardi esprimono profondo e sincero cordoglio per la dipartita dell’insegnante, collega e amica Maria Puca – si legge nel post apparso sui social -.

Professionista stimata e amata da generazioni di alunni, donna forte e ironica, inguaribile ottimista nel lavoro come nella vita”.

Infine la lettera conclude: “La sua allegria e il suo sorriso radioso vivranno nel ricordo di tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerla e apprezzarne le doti professionali e umane. Ciao, Maria”.

Sant’Antimo – Il post

Ha raccolto subito centinaia di reazioni. Tanti in queste ore i messaggi di cordoglio apparsi sui social.

A pubblicarli ex alunni che hanno condiviso con lei gli anni della scuola primaria. Ma a scrivere sono anche colleghi e persone che hanno avuto la fortuna di conoscerla e di entrare in contatto con lei nell’istituto di Sant’Antimo.

“E’ lei Denise Pipitone”, colpo di scena: la nuova pista e il depistaggio. La ricostruzione di quel giorno: sapeva tutto del rapimento

“E’ lei Denise Pipitone”. Una nuova segnalazione, stavolta dall’Ecuador, che sembrerebbe non lasciar alcun dubbio e che riaccende ancor di più il caso della bimba di Mazara del Vallo.

Denise – L’indiscrezione

E’ stata diffusa nel corso del programma televisivo Pomeriggio 5 nella giornata di martedì 25 maggio. Una ragazza ecuadoregna, che risponderebbe anch’ella al nome di Denise, sembrerebbe avere “forti somiglianze” con Piera Maggio, la mamma della bimba scomparsa da Mazara del Vallo il 1°settembre del 2004.

La segnalazione di Denise

La segnalazione, come riporta Il Giornale,  è arrivata da i social – Facebook, Instagram e TikTok. Dove, dalle prime ore di questa mattina, ha cominciato a circolare la foto di una ragazza con i tratti del viso fortemente somigliante a quelli di Piera Maggio.

“Mi sono arrivati tantissimi messaggi che segnalano questa ragazza in Ecuador. La somiglianza è grandissima”, ha spiegato l’inviata di Pomeriggio 5 da Mazara del Vallo. La giovane potrebbe avere all’incirca 20 anni.

“Vedendo la foto , vi potete accorgere che somiglia tantissimo anche a Piera Maggio. Ha proseguito l’inviata. Pare che siano già stati informati gli inquirenti che stanno facendo delle verifiche. Si tratta di una ragazza che abita molto lontano dalla Sicilia e dall’Italia, ma in questo momento non ci sono confini che tengano”.

La vendetta di Anna Corona

Sullo sfondo l’ipotesi di una vendetta da parte di “Anna Corona. Allora tradita dal padre biologico di Denise, Pietro Pulizzi, oggi sposato con la mamma della bambina da sempre in cerca della verità”.

Una vedetta per gelosia nei confronti di Piera Maggio, spiega il quotidiano che ricorda che la Jessica Pulizzi è stata assolta da ogni accusa anche in Cassazione e la sua posizione è ormai non indagabile.

Ma l’apertura di un fascicolo sarebbe collegata anche alle accuse lanciate dall’ex pubblico ministero di Marsala oggi in Sardegna, Maria Angioni, che ha tenuto le redini del fascicolo per un peridio. “Allora tutte le persone sottoposte a intercettazioni sapevano di essere sotto controllo.

A un certo punto ho fatto finta di smettere di intercettare e poi ho ripreso da capo con forze di polizia diverse”, ha detto tempo fa in tv accusano un funzionario di polizia che “avrebbe avuto una storia d’amore con l’amica del cuore di Anna Corona”, spiega il Corriere. Dichiarazioni bollate dall’ex procuratore Alberto Di Pisa come ” un po’ fantastiche, del tutto prive di fondamento”.

La ricostruzione del rapimento: “È questo il cavalcavia”

Lo ha mostrato Federica Sciarelli nella scorsa puntata di Chi l’ha visto, che ha aggiunto diversi elementi nuovi al caso di Denise Pipitone, la bambina rapita a Mazara del Vallo il 4 settembre del 2004 e scomparsa nel nulla.

A distanza di 17 anni finalmente si sta provando a fare per davvero luce su questa vicenda, anche grazie alla lotta incessante di Piera Maggio e del suo avvocato Giacomo Frazzitta. Ormai è chiaro che all’epoca le indagini furono inquinate o comunque non condotte in maniera del tutto consona, per pressioni esterne.

Basandosi sulla testimonianza di Battista Della Chiave, che allora non venne ritenuta attendibile e non fu considerata nel processo, Chi l’ha visto ha potuto ricostruire quanto accaduto immediatamente dopo il rapimento.

Battista

Aveva raccontato di aver visto Denise, ha accennato a una telefonata e a un uomo di circa 25 anni con capelli ricci, pizzetto e baffi che l’ha portata via. La bambina sarebbe stata portata con una moto lungo un cavalcavia e poi nascosta su una barca a remi e portata fino a un faro.

Federica Sciarelli

Ha mostrato i luoghi di Mazara del Vallo che corrispondono perfettamente alla descrizione dell’uomo, che in quanto sordomuto non venne compreso bene, o almeno questa è la spiegazione ufficiale (che fa acqua da tutte le parti).

In pratica Della Chiave aveva fornito l’esatta dinamica del rapimento, a a processo la sua testimonianza non è mai entrata. Ennesima stranezza di un caso che però inizia a sembrare un po’ più vicino alla verità di quanto lo fosse 17 anni fa. (IlTempo)
Leggi anche Pisa, è morto il ragazzino di 13 anni travolto dallo scooter mentre era in bici: il suo cuore non ce l’ha fatta. Dieci giorni di agonia
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)