Connect with us

cronaca

Olivia e Anna, le sorelline rapite dal papà per vendetta: ritrovato il corpo della bimba più grande. L’ha uccisa, era in un sacco in fondo al mare

Pubblicato

il

Olivia e Anna, le sorelline rapite dal papà per vendetta: ritrovato il corpo della bimba più grande. L’ha uccisa, era in un sacco infondo al mare

Una storia sconvolgente che ha tenuto col fiato sospeso tutti gli abitanti delle Canarie e che sembra essersi conclusa nel peggiore dei modi possibili.

Erano state rapite dal papà, che era fuggito a bordo della sua barca, per una vendetta contro la loro mamma, dopo la fine della relazione.

Inizialmente si sperava che Anna e Olivia, due bambine di due e sei anni, potessero essere al sicuro con il padre, in Africa o in Sud America. Invece, nella serata di oggi è arrivata la più tragica delle notizie.

La storia del rapimento di Olivia e Anna

La storia che ha tenuto col fiato sospeso le isole Canarie e tutta la Spagna sembra destinata a concludersi con un epilogo drammatico.

Il corpo di una delle due bambine, la più grande, lo hanno infatti ritrovato in mare, a mille metri di profondità.

Come riporta 20minutos.es, Olivia, sei anni, l’hanno ritrovata in un sacco di plastica, legato all’àncora dell’imbarcazione del padre, Tomás Gimeno.

L’identità dell’uomo

L’uomo, 37 anni, lo scorso 27 aprile aveva passato la giornata con le figlie e le avrebbe dovute riportare alla madre la sera; per vendicarsi, però, l’uomo aveva deciso di rapirle e fuggire con loro.

Il giorno dopo l’imbarcazione è stata ritrovata alla deriva, con tracce di sangue a bordo risultate a lui appartenenti.

La madre di Anna e Olivia ha denunciato che, prima di scomparire, l’uomo le aveva detto al telefono che non le avrebbe riviste «mai più».

La donna, in ogni caso, già avvisata del ritrovamento odierno, secondo la Delegazione del governo per le Canarie.

Mancherebbero ancora le conferme sull’identità del cadavere rinvenuto in mare, ma l’àncora al quale l’aveva legato risulterebbe essere proprio quello della barca di Tomás Gimeno.

Un abbraccio, il mio affetto e quello della mia famiglia, oggi vanno a Beatriz e ai suoi cari», ha scritto su Twitter il premier spagnolo Pedro Sánchez (Leggo.it).
Leggi anche Impatto violento in strada, Pasquale e Chiara sono i due fidanzati morti nell’incidente: “Salite al cielo prendendovi la mano”
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Advertisement

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)