Connect with us

cronaca

Veroli, esce di strada con l’auto, si schianta e muore. Inutili i soccorsi, Marco perde la vita a 40 anni

Published

on

Pisa, incidente mortale: auto impatta contro un albero. Muore il papà di due bambini piccoli. Feriti gravemente i figli

VEROLI. Ennesimo schianto e ennesima vittima della strada. Incidente mortale questa notte in via per Casamari nel territorio tra Frosinone e Alatri.

Incidente Veroli – La vittima

È Marco Marcoccia di Veroli. La notizia della morte del quarantenne molto conosciuto e stimato si è diffusa nelle prime ore del mattino destando tanto dolore.

Tanti i messaggi di cordoglio e vicinanza alla famiglia. L’uomo viaggiava a bordo della sua Fiat Punto quando è avvenuto l’incidente. Sul posto il personale medico ma la corsa in ospedale è stata inutile.(Ciociaria)

Roma, bimbo di 4 anni precipita nel vano dell’ascensore della metro e muore: un volo di oltre 20 metri. “E’ stato un omicidio, è tutta colpa sua”. Chiesti 2 anni e 4 mesi per il tecnico dell’Atac

ROMA. Si chiamava Marco ed aveva solo 4 anni. Morire così per colpa del fato, della sorte o perché ci si trovava nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, o semplicemente per la sufficienza di chi lavora.

La Procura di Roma

Ha chiesto una condanna a due anni e quattro mesi di reclusione per F. M., il tecnico Atac che nel luglio 2015 aveva provato ad aiutare una mamma e il suo bimbo di quattro anni rimasti chiusi nell’ascensore della stazione metro di Furio Camillo a Roma. F. M. è accusato di omicidio colposo: secondo l’accusa non avrebbe dovuto effettuare quella manovra di salvataggio, che sarebbe invece spettata a tecnici più qualificati.

Diverso il parere della difesa, che chiede invece l’assoluzione per l’uomo, che sostiene di avere l’autorizzazione per quel tipo di intervento in situazioni di emergenza.

Le dichiarazioni

“Ho sempre avvertito la signora con il microfono, che era provata dalla situazione, del mio intervento e quando sono arrivato le ho detto di stare lontana dalla porta. E poi tutti i miei colleghi sapevano della mia operazione e nessuno mi ha fermato, segno che potevo fare ciò che ho fatto”, ha dichiarato l’imputato, molto provato dalla vicenda.

Le parti civili, che hanno definito l’intervento ‘improvviso e intempestivo’, hanno chiesto anche un risarcimento del danno, che dovrà essere quantificato dal giudice. La vicenda è riportata da Il Messaggero. La difesa ha chiesto l’estromissione dal processo di Atac, accusata di non aver formato i lavoratori per questo tipo di situazioni.

Marco aveva solo 4 anni

Era il luglio del 2015 quando il piccolo Marco, di appena quattro anni, è morto dopo un volo di oltre venti metri nella tromba dell’ascensore della stazione metro di Furio Camillo, a Roma. Una vera e propria tragedia avvenuta davanti gli occhi della madre.

“Ho preso il primo ascensore, quello che sta per strada, per scendere giù al livello dei tornelli – il racconto della donna, all’epoca dei fatti – Avevo il bambino e il passeggino con me e non ho voluto prendere le scale mobili. Poi ho timbrato il biglietto e sono salita sul secondo, quello che sta dietro al gabbiotto all’ingresso della stazione, giù.

Le porte si sono chiuse, l’ascensore si è mosso appena verso il basso. Poco, però”. Mamma e figlio rimangono bloccati nell’ascensore e chiedono aiuto al personale Atac presente nel gabbiotto. F. M. apre il pannello laterale dell’ascensore: tra lui e la mamma col bambino ci sono 40cm di vuoto.

Il piccolo cade lì in mezzo e precipita per oltre venti metri. Per lui non c’è stato nulla da fare, è morto sul colpo.
Leggi anche Padova: è Piergianni Cesarato la vittima dell’incidente, aveva 17 anni
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)