Connect with us

attualità

Green Pass, Salvini: «Piazze da ascoltare e capire, non si può imporre obbligo vaccinale». Meloni invece provoca: «Facciamolo a tutti quelli con la faccia di bronzo»

Pubblicato

il

Green passa Salvini Meloni

Green Pass, non si placa l’ira non solo dei cittadini ma anche dei vari politici. Tra questi i più accaniti senza alcun dubbio Salvini e Meloni.

Green Pass – Salvini

“Quelle di ieri sono piazze da ascoltare e da capire, non da attaccare o censurare. In Italia come in Europa sono piazze vive, sorridenti, belle e vere, che chiedono di tenere insieme salute e liberta’. E la Lega, dentro il governo, anche se da sola, fa e fara’ di tutto per garantire salute, lavoro e liberta’ a tutti, senza obblighi, multe o divieti”.

Lo afferma ad Affaritaliani.it il segretario della Lega Matteo Salvini commentando le manifestazioni di ieri contro il Green Pass.

“Quando il Decreto sul Green Pass arrivera’ in Parlamento – dice – faremo di tutto per cambiarlo, siamo gia’ al lavoro per preparare tutti gli emendamenti possibili e necessari.

Salvini vaccinato

Io – aggiunge – mi sono vaccinato per mia scelta, come altri milioni di Italiani, ma questo non mi da’ il diritto di imporre la stessa scelta, o peggio un obbligo, ad altri milioni di Italiani che hanno un’idea diversa dalla mia.

E soprattutto – sottolinea ancora Salvini – per bimbi e ragazzi sono contro qualsiasi obbligo o costrizione. Il diritto alla scuola, ovviamente in presenza, andra’ garantito a tutti, nessun bimbo o insegnante escluso”.

Green Pass – Simile la posizione di Giorgia Meloni

Che provocatoriamente chiede al governo di introdurre l’obbligo vaccinale per tutti. Anche lei ribadisce di non essere No Vax, ma gli esponenti di Fratelli d’Italia sono scettici sulle immunizzazioni degli under 40 – visto che in quella fascia la letalità è molto bassa – e chiedono risposte sulla contagiosità dei vaccinati.

“Quelli di ‘abbraccia un cinese, l’unico virus è il razzismo’, degli aperitivi contro la fobia contagio, del ‘il Covid non viaggia sui mezzi pubblici’, del ‘il Covid non arriva coi barconi degli immigrati’;

quelli che hanno trasformato il Covid in una mangiatoia per il solito circuito degli amichetti della sinistra con mascherine farlocche e strapagate, consulenze milionarie, appalti a società fantasma;

quelli dei banchi a rotelle, quelli che un anno fa pubblicavano libri su come avevano sconfitto il Covid; quelli che in un anno e mezzo non hanno fatto nulla per potenziare la sanità pubblica e le cure domiciliari.

Questi, proprio questi, con la faccia di bronzo di chi non si vergogna di nulla, con tutta la gran cassa dei media di regime, dicono che noi di Fratelli d’Italia siamo negazionisti”, scrive su Facebook Giorgia Meloni.
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)