Connect with us

cronaca

Incendi in Calabria, crollano le case. Altri due morti nelle fiamme: un uomo è rimasto schiacciato dalle macerie

Pubblicato

il

Incendi in Calabria, crollano le case. Altri due morti nelle fiamme: un uomo è rimasto schiacciato dalle macerie

INCENDI CALABRIA. Aumentano drammaticamente i casi di incendio nella regione calabrese, e, purtroppo, con essi anche il numero delle vittime coinvolte nella strage di fuoco.

Il disperso di Cardeto è stato ritrovato morto. A Vinco, frazione pedemontana di Reggio Calabria, quattro civili ustionati dalle fiamme.

Tre sono al pronto soccorso e due di loro saranno probabilmente trasferite a Catania. Sul fronte incendi ancora massimo l’impegno dei vigili del fuoco su tutto il territorio.

La provincia di Reggio Calabria pesantemente colpita dagli incendi e sono così quattro le vittime in meno di una settimana.

Dopo Margherita ed Antonino Cilione, la morte odierna di Mario Zavaglia e della persona che era dispersa a Cardeto

Un uomo di 76 anni Mario Zavaglia è morto nel suo casolare di campagna raggiunto dal fuoco che sta imperversando a Grotteria.

Precisamente in provincia di Reggio Calabria. Pensionato, da alcuni anni trasferitosi con la famiglia in Lombardia, ma spesso in vacanza in Calabria, a Grotteria, suo paese d’origine.

E’ accaduto intorno a mezzogiorno. L’uomo tentava di salvare il ricovero degli animali, ma è stato raggiunto dal fuoco ed è morto per le ustioni.

Vasti incendi in Calabria

Gli incendi stanno colpendo vistosamente tutta l’area circostante di Grotteria e Gioiosa Ionica nella Locride.
Vasto incendio anche a Cardeto (vicino Reggio Calabria), dove, da quanto si apprende, ci sarebbe una persona dispersa.

Emergenza incendi in Calabria, e c’è anche un morto. Un anziano di 76 anni, Mario Zavaglia, è morto nelle campagne di Grotteria a causa di un incendio boschivo e del successivo crollo della sua casa rurale provocato dal rogo.

L’uomo, pensionato, si era recato nella sua proprietà per accudire il proprio orto in contrada Scaletta, alle falde dei monti della Limina. In pochi minuti le fiamme hanno circondato l’abitazione senza lasciare scampo all’anziano.

Il cadavere carbonizzato di Zavaglia é stato trovato da uno dei figli del pensionato, preoccupato per il fatto che non aveva visto rientrare il padre nell’altra abitazione della famiglia nel centro di Grotteria.

La preoccupazione era accentuata dal fatto che Zavaglia non rispondeva al cellulare. Zavaglia era rientrato nel luglio scorso da Milano, dove si era trasferito alcuni anni fa, dopo che era andato in pensione, insieme ai familiari.

Quasi ogni giorno il pensionato si recava nel suo terreno a Grotteria per svolgere lavori agricoli. (LEGGO)
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)