Connect with us

italia

Turismo e Green Pass obbligatorio, lettera delle Pro loco a Draghi: “Serve chiarezza”

Pubblicato

il

Turismo e Green Pass Obbligatorio – Inizia il conto alla rovescia per i titolari di ristoranti al chiuso, palestre, cinema e teatri per l’utilizzo del green pass.

Da dopodomani, venerdì 6 agosto, infatti l’accesso a questi servizi sarà consentito esclusivamente ai possessori di green pass.

Per questo molti imprenditori hanno avviato campagne informative sui social, per illustrare le nuove modalità di ingresso.

Turismo e Green Pass obbligatorio – Non sempre la notizia viene ben accolta

Da parte dei detrattori del certificato verde si sono moltiplicati gli attacchi via web, anche attraverso recensioni negative delle attività.

“Non possiamo accettarlo”, dice Emanuele Frongia, presidente Fipe Confcommercio Sud Sardegna, che continua

“Noi possiamo solo applicare quanto la legge ci obbliga a fare e siamo involontariamente deputati a ricoprire un ruolo che non è nostro”.

Non solo. Secondo Frongia “è impossibile non rispettare le regole: rischiamo fino a mille euro di sanzioni e la chiusura dell’attività.

Non possiamo permettercelo, il nostro lavoro è iniziato di nuovo solo pochi mesi fa dopo più di un anno di chiusure a macchia di leopardo”.

Intanto le pro loco d’Italia chiedono chiarezza sull’uso del certificato verde

“Un’audizione urgente e un intervento emendativo per superare difficolta interpretative emerse nella lettura del provvedimento governativo sul Green Pass”.

Sono i punti al centro della missiva inviata dal presidente dell’Unione Nazionale delle Pro Loco Aps, Antonino La Spina.

Lettera rivolta al Presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, al ministro della Salute, Roberto Speranza, al ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, al ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, al ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, e al ministro per Affari regionali e Autonomie, Mariastella Gelmini.

Nella lettera-appello si evidenzia che le problematiche interpretative emerse rischiano di portare “all’impossibilità di realizzazione di decine di migliaia di eventi sul territorio nazionale da parte delle Pro Loco associate.

Posti già in difficoltà per le pressanti misure di sicurezza da mettere in atto, con gravi danni sociali ed economici per le piccole realtà territoriali”.
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)