Connect with us

campania

Samuele lasciato cadere dal balcone a Napoli, la vicina del domestico: «Mariano lo sentivo parlare da solo, urlava anche di notte”

Pubblicato

il

Samuele Gargiulo

NAPOLI. Samuele ucciso dal domestico. “Era strano: camminava, all’improvviso urlava che lo stavano picchiando e lo volevano uccidere, però era da solo”. A parlare è la vicina di casa di Mariano Cannio, il 38enne accusato dell’omicidio del piccolo Samuele, precipitato dal balcone di casa venerdì 17 settembre a Napoli, in via Foria.

Come raccontato dalla donna ai microfoni di “Pomeriggio Cinque”, Mariano era solito urlare anche di notte, pur essendo da solo. Ed era soggetto a comportamenti che avevano insospettito l’intero vicinato. “Tutto il quartiere lo chiamava per le pulizie perché dicevano che era veramente bravo – prosegue – Aveva problemi e si notavano, però nessuno avrebbe mai pensato che potesse fare del male a un bambino”.

Domani i funerali del piccolo Samuele

“Vietato fare foto e video”, recita il cartello affisso davanti alla chiesa di Santa Maria degli Angeli alle Croci di Napoli, dove domani ci saranno i funerali di Samuele Gargiulo, il bimbo di 4 anni lanciato dal balcone di casa sua in via Foria a Napoli venerdi’ scorso.

In carcere c’e’ Mariano Cannio, 38 anni

Il domestico della famiglia che ha ammesson le sue responsabilita’, raccontando di averlo preso in braccio e di averlo lasciato cadere “per un giramento di testa”. Nei prossimi giorni verra’ effettuata una perizia medica tesa a valutare le sue condizioni di salute e lo stato mentale anche al momento dell’omicidio.

Questa mattina al Secondo Policlinico

Si e’ svolta l’autopsia sul corpo di Samuele e la relazione sara’ pronta tra sessanta giorni. “Voglio rappresentare a tutti gli operatori della cronaca la necessita’ di comprendere il dolore che ha colpito la giovane famiglia – dice l’avvocato Domenico De Rosa, che assiste la famiglia Gargiulo – i genitori confidano nell’accertamento della verita’ da parte della Procura e non intendono contribuire alla marea di notizie che puo’ solo inquinare l’opera di polizia e magistrato e solo acuire lo strazio del loro animo”.
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)