Connect with us

politica

Lega, Morisi indagato per cessione di droga: cocaina in casa. Salvini: «In vita si sbaglia». Scoppia il caos

Pubblicato

il

Lega Matteo Salvini Morisi indagato

Lega, scoppia il caos dopo il caso Morisi. Due grammi di cocaina in casa, i telefoni sequestrati, l’iscrizione nel registro degli indagati dopo che tre giovani lo avrebbero indicano come colui che avrebbe ceduto loro droga liquida, anche se le analisi non hanno ancora confermato il contenuto di quella boccetta.

Quattro giorni dopo la notizia, si delineano i motivi che hanno spinto Luca Morisi

L’inventore della ‘Bestia’ social della Lega che ha consentito a Matteo Salvini di raccogliere decine di migliaia di followers, e voti – a lasciare ogni ruolo nel partito.

“Non ho commesso alcun reato” si difende l’ormai ex guru che pero’ ammette: “sono caduto come uomo”

E il leader del Carroccio non lo scarica:

“Ha sbagliato, ma potra’ sempre contare su di me”. L’inchiesta, dicono investigatori ed inquirenti, dal punto di vista giudiziario e’ poca cosa. E aggiungono, per stoppare voci che gia’ circolavano: non c’e’ stata alcuna attivita’ di monitoraggio dell’abitazione di Morisi.

“Un fatto banale”, afferma il procuratore di Verona Angela Barbaglio che ha iscritto Morisi per sospetta detenzione e cessione di sostanza stupefacente “sulla cui natura si attende l’esito delle analisi”.

Ma dal punto di vista politico, a 6 giorni dalle Amministrative con la Lega che si gioca la leadership del centrodestra con Fratelli d’Italia, e’ tutt’altra storia.

Tanto che Salvini all’ennesimo comizio sbotta: “Piu’ mi attaccano piu’ mi danno forza. Io non mollo e non mollero’ mai”

E quali siano certe opinioni che girano in Parlamento, lo scrive su Twitter Claudio Velardi, l’ex guru di Massimo D’Alema. “Invincibile, eterno teorema italiano. La sorte di un leader politico e’ segnata quando, in straordinaria sintonia con gli attacchi interni (Giorgetti su La Stampa), si mette in moto la magistratura (vedi vicenda Luca Morisi). Schifo”.

I fatti

Fin qui accertati dicono che la sera del 14 agosto una pattuglia dei carabinieri ferma per un controllo di routine tre ragazzi nelle campagne di Belfiore, una zona isolata del Veronese vicino al casello dell’autostrada A4 Venezia-Milano.

Dai controlli salta fuori una boccetta con all’interno un liquido che, stando a quanto dicono subito i ragazzi, e’ droga liquida. Se si tratti di Gbl, la cosiddetta droga dello stupro, o di ecstasy liquida, o di altro ancora, lo stabiliranno le analisi.

Quel che e’ certo e’ che uno di loro dice ai militari che a cedergli quel liquido e’ stato proprio Morisi, che ha una casa da quelle parti. I carabinieri vanno nell’abitazione e trovano, senza particolare fatica, della cocaina. Una modica quantita’ compatibile con l’uso personale che configura quindi un illecito amministrativo.

La segnalazione alla procura

E l’iscrizione, scatta invece per le parole dei giovani. E anche il sequestro dei telefoni: gli investigatori vogliono capire quali fossero i veri rapporti tra il social manager della Lega e i ragazzi. Un contatto “abbastanza occasionale”, come hanno detto loro, o altro? Possibile che nei prossimi giorni Morisi venga sentito.

“Mi risulta che il difensore – ha detto ancora Barbaglio – ha preso contatto con il pm Stefano Aresu, immagino per parlare degli atti del procedimento”. Lui intanto si difende, anche se ammette di aver usato droga e per questo chiede scusa a tutti, a partire da Salvini ed al suo storico amico e socio in affari Andrea Paganella.

“Non ho commesso alcun reato, ma la vicenda personale che mi riguarda rappresenta una grave caduta come uomo. E’ un momento molto doloroso della mia via, rivela fragilita’ esistenziali irrisolte a cui ho la necessita’ di dedicare tutto il tempo possibile nel prossimo futuro, contando sul sostegno e sull’affetto delle persone che mi sono piu’ vicine”. Parole che il leader leghista raccoglie.

“Quando un amico sbaglia e commette un errore che non ti aspetti, e Luca ha fatto male a se stesso piu’ che ad altri, prima ti arrabbi con lui. Ma poi gli allunghi la mano, per aiutarlo a rialzarsi. Amicizia e lealta’ per me sono la Vita. Ti voglio bene amico mio, su di me potrai contare sempre”.

Ma i social, quegli stessi che Morisi ha usato

Come lui stesso ha detto piu’ volte – per “amplificare il messaggio” del Capitano – non perdonano. L’hashtag Morisi e’ stato di tendenza in Italia per tutto il giorno: insulti e offese per lui e per il suo leader. Occhio per occhio.

C’e’ chi messo Morisi al posto del tunisino di Bologna al quale Salvini ando’ a citofonare chiedendo ‘scusi, lei spaccia?’ , e chi ha postato le sue parole al termine del processo per la morte di Cucchi: “era un drogato e mi fa schifo”. Il ministro della gioventu’ Fabiana Dadone, collega di governo: “Morisi ha fatto dell’aggressione digitale mestiere. Mi chiedo se qualcuno citofonera’ a casa di Salvini”.

Fedez dedica al Capitano una storia su Instagram

“E’ un eroe contemporaneo. Oggi scopre anche lui di aver avuto al suo fianco un drogato ma che magicamente non diventa un ‘drogato’ ma un amico da aiutare a rialzarsi”.

C’e’ anche chi prova a distinguersi. Matteo Renzi invita a “essere diversi da chi sparge odio sui social” e Lapo Elkann, un altro che con la droga ha fatto i conti, vorrebbe che gli fosse risparmiata quella gogna che e’ toccata invece a lui. Parole investite da altro odio. Un’altra Bestia, stesso risultato.

Salvini: «In vita si sbaglia»

“Per me l’amicizia, la lealta’ e la generosita’, la solidarieta’ non sono parole da scrivere su Instagram la sera prima di addormentarsi. Nella vita si puo’ sbagliare, si sbaglia anche 20 volte al giorno, le persone per bene in buona fede sbagliano.

Si sbaglia, ma l’importante, quando si e’ sbagliato, e’ capire dove si e’ sbagliato e avere la forza, l’orgoglio e l’umilta’ di rialzarsi in piedi, perche’ dopo ogni caduta c’e’ una nuova avventura e dopo il temporale torna sempre il sereno”.

Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini dal palco del comizio di chiusura della campagna elettorale del partito per le comunali di Milano nel giorno della notizia sulla vicenda che vede coinvolto Luca Morisi, ex consulente per la comunicazione del leader leghista, indagato dalla procura di Verona per droga.
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)