Connect with us

cronaca

Vicenza, mamma di 21 anni uccisa in casa a colpi di pistola: Alessandra lascia una bimba di 2 anni

Pubblicato

il

Vicenza

VICENZA. Ancora un femminicidio, ancora una giovane donna uccisa in casa. Si tratta di una 21enne mamma di una bimba di due anni, Alessandra Zorzin.

Vicenza – I fatti

Secondo quanto riportato da Tgcom24, Alessandra è stata uccisa a colpi di pistola nella sua abitazione a Valdimolino, una frazione di Montecchio Maggiore.

A far scattare l’allarme è stato il marito, che al suo rientro ha scoperto il cadavere. Testimoni hanno visto scappare un uomo con una fisionomia diversa da quella del congiunto per l’ora di pranzo. Si tratta del secondo femminicidio in cinque giorni, dopo quello di Noventa Vicentina.

Secondo le testimonianze l’assassino, subito dopo l’omicidio, è uscito dall’edificio ed è salito su una macchina nera facendo perdere le sue tracce. I carabinieri indagano.

La vittima

Di professione parrucchiera, viveva con il marito nella località vicentina da un anno e mezzo. Secondo gli investigatori, aveva conosciuto da poco il sospettato, un quarantenne. I vicini di casa lo hanno visto parcheggiare in mattinata nel piazzale dell’abitazione della giovane e poi dileguarsi.(Tgcom24)

Pomigliano d’Arco, legato con il nastro adesivo e picchiato a 16 anni da un branco di minorenni: la denuncia del padre della vittima

POMIGLIANO D’ARCO. I carabinieri di Pomigliano d’Arco (Napoli) stanno conducendo indagini per fare luce sulle presunte violenze subite da un minorenne denunciate in caserma dal padre.

Lunedi’ scorso

Secondo quanto si e’ appreso, il figlio minorenne dell’uomo sarebbe stato invitato ad andare nell’abitazione di un coetaneo dove poi pero’ sarebbe stato legato con il nastro adesivo e picchiato da altri ragazzi che avrebbero la sua stessa eta’.

La versione dell’accaduto

Fornita dal genitore della presunta vittima e’ ora al vaglio degli investigatori: il ragazzo vittima della presunta aggressione, comunque, non avrebbe addosso i segni delle percosse e neppure si sarebbero rese necessarie per lui le cure dei medici in ospedale.

Il racconto del ragazzo

Ha raccontato in lacrime al padre di essere stato vittima di un pestaggio violento, dopo essere stato legato a una sedia con del nastro adesivo, con polsi e caviglie bloccate.

Il genitore preoccupato si e’ recato in caserma e ha denunciato. I carabinieri di Pomigliano d’Arco stanno indagando e ricostruendo quanto sarebbe avvenuto lunedi’ scorso in casa di un ragazzino. Vittima e aggressori sarebbero minorenni. A quanto apprende AGI, il ragazzo picchiato non avrebbe segni evidenti di violenze sul corpo.
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)