Connect with us

cronaca

Bimbo rapito a Padova, il papà è libero in Romania: “Non sono criminale, volevo salvare mio figlio”

Pubblicato

il

padova

PADOVA. “La mia ex moglie 3 anni fa ha portato via mio figlio dalla Romania verso l’Italia. Lei è moldava mentre io sono romeno, ho parecchi affari in Italia. Non sono un delinquente né un criminale, sono solo un uomo d’affari”.

E’ su Rai 2 a Ore 14 che parla Bogdan Hristache, l’uomo che ha rapito il figlio di 5 anni due giorni fa a Padova a bordo di un furgone nero. Il piccolo è stato ritrovato ieri mentre era col padre su un treno che viaggiava in direzione Ungheria a Curtici, in Romania, dopo che l’uomo aveva postato sui social foto con il piccolo.

Secondo fonti investigative italiane, è già libero. Rintracciato dai giornalisti, ha dichiarato che “la mamma di David, Alexandra, non dice la verità, non è vero che detiene l’affidamento esclusivo, è un affidamento in comune per entrambi i genitori”.

Alla domanda sul perché abbia rapito il bambino ha risposto: “Non vedevo mio figlio da tre anni e una ragazza mi ha detto che non stava bene, che viene maltrattato ed aveva le prove di questo. Ogni notte Alexandra lascia nostro figlio da solo. La polizia italiana mi sta cercando?

Ho visto, domani o dopo domani manderò il mio autista a recuperare il furgone”. I carabinieri stanno in realtà verificando tutte le informazioni che stanno arrivando in queste ore dalla Romania.

Restano molti punti interrogativi relativi alla vicenda, anche perché Bogdan aveva un ordine di non avvicinamento alla ex compagna e al figlio, la decisione era stata presa dal tribunale romeno, che lo aveva giudicato pericoloso, diversamente da quanto dichiarato da lui stesso in tv.

Il bambino, intanto, è stato affidato alle cure di un giudice tutelare e si trova in una località protetta. “È una vicenda che ho seguito con un’angoscia paurosa mi sono messo nei panni della mamma che si è vista strappare il suo bimbo, sono cose che nel nostro territorio non accadono – è stato il commento del presidente del Veneto, Luca Zaia -.

Spero si faccia giustizia, la mamma ha un diritto dal punto di vista giuridico visto che il bambino le è stato affidato, sono fatti che hanno lasciato sgomento nella popolazione”. Fonte: Fanpage
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)