Connect with us

cronaca

Firenze, Tiziana non ce l’ha fatta: è morta dopo un mese di agonia in ospedale. Le era caduto un bancale addosso mentre lavorava

Pubblicato

il

firenze

SCANDICCI (FIRENZE). Non ce l’ha fatta Tiziana Bruschi. La donna di 58 anni è deceduta all’ospedale Careggi dopo un’agonia durata oltre un mese.

Tiziana il 2 settembre era stata travolta da un bancale mentre era impegnata, come faceva da tantissimi anni, alla Sistema srl, una piccola azienda di Scandicci, comune dell’hinterland di Firenze, che produce materie plastiche.

Ieri è deceduta all’ospedale Careggi. Al momento il titolare dell’azienda è indagato per omicidio colposo ma probabilmente ci saranno altri avvisi di garanzia.

Secondo le ricostruzioni, l’operaia si trovava in magazzino, quando un pesante bancale, carico di merce, le è finito addosso da un’altezza di 3 metri. Tra le ipotesi c’è che un operaio in manovra col muletto aveva una pila di bancali e uno di questi l’aveva travolta.

La 58enne aveva riportato numerosi traumi e dopo oltre un mese in coma, il suo cuore si è spento.

Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore di Firenze, Francesco Sottosanti, il quale dopo aver ricevuto notizia del decesso in ospedale della lavoratrice ha disposto l’autopsia. L’esame a Medicina legale è stato eseguito nella giornata di ieri martedì.

Il cordoglio del presidente della regione Toscana Giani

“È un dolore indicibile e invio il mio più sentito cordoglio, esprimendo sentimenti di vicinanza, alla famiglia di Tiziana Bruschi”. Così il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani interviene sulla morte dell’operaia 58enne.

“Dall’inizio dell’anno – prosegue Giani – i caduti sul lavoro in Toscana sono già 26. È uno stillicidio non più sopportabile, che ci fa fare un salto indietro di anni”. “Alla ripartenza che tutti desideriamo – conclude il presidente – non può corrispondere un costo altissimo in vite umane. La pandemia ha ridisegnato le priorità su cui dobbiamo concentrare il nostro impegno e tra queste ci sono certamente il rispetto della dignità di lavoratrici e lavoratori, una forte e diffusa cultura della sicurezza, strumenti e risorse adeguate per prevenire incidenti e infortuni mortali sul lavoro”. Fonte: Fanpage
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)