Connect with us

economia

Aumento stipendi, cambiano le buste paga: chi avrà 1500 euro. Fino a sei scatti. Tutte le novità

Pubblicato

il

busta paga

STIPENDI. Aumenti di stipendio sia in base al ruolo ma anche ai “meriti” lavorativi fino ad un massimo di sei scatti di carriera: è quanto intende fare l’Aran (Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni) per i dipendenti statali.

Ruoli e stipendi

Gli “scatti”, come si legge sul IlGiornale, sono molto interessanti: c’è lo stipendio base e poi subentra, come in tante altre aziende, la carriera (o anzianità): la bozza del nuovo contratto presentata dal presidente dell’Aran, Antonio Naddeo, prevede aumenti tra 280 e 460 euro per gli operatori, tra i 616 fino a 840 euro per gli assistenti e, la fetta più grossa della torta per i funzionari, per i quali gli aumenti potranno variare da un minimo di 1.247 euro fino a 1.518.

La novità

Però, è che questi scatti saranno legati “alla valutazione dei dipendenti e alla loro esperienza professionale” secondo quanto riporta Il Messaggero.

Inoltre, oltre ai operatori, assistenti e funzionari, il presidente Naddeo vuole aggiungere una quarta area lavorativa chiamata “delle alte professionalità”.

Tutte e quattro avranno una base di partenza economica uguale per tutti i dipendenti ma poi si aggiungerà un “differenziale stipendiale” legato alla valutazione che i dirigenti daranno al singolo dipendente, valutato sua per l’esperienza professionale che per altri parametri come, ad esempio, i titoli di studio. Gli avanzamenti di carriera, come detto, saranno al massimo sei e si potrà ambire a salire nella fascia successiva ogni tre anni.

Le “alte professionalità”

La nuova area che vuole introdurre Naddeo nascerà “vuota” perché nessuno degli attuali dipendenti delle Pa potrà accedervi automaticamente: sarà più che altro un comparto “jolly” che accoglierà i vincitori dei concorsi che si occuperanno di lavorare al Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza).

Gli stipendi

Per quest’ultimo settore saranno i più alti e quindi molto vicini a quelli di un dirigente rispetto a quanto percepiscono i funzionari e sempre con lo stesso nuovo criterio degli scatti remunerativi (quanto, ancora, non si sa). Il prossimo 3 novembre si deciderà del contratto e, in caso di esito positivo tra Aran e i sindacati, entro novembre sarà approvato dal governo.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo 
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)