Connect with us

economia

Reddito di cittadinanza, arrivano i tagli: soldi in meno ogni 30 giorni per tutti. Ecco cosa succederà

Pubblicato

il

reddito di cittadinanza

Numerose novità per il reddito di cittadinanza in vista della nuova legge di bilancio. Chi non lavora riceverà meno soldi; saranno inoltre ridotte le offerte di impiego che potranno essere rifiutate senza rischiare sanzione e dal prossimo anno al secondo no la carta del reddito di cittadinanza verrà automaticamente disattivata. Oggi è possibile rifiutarne tre. Senza dimenticare che nella nuova legge di bilancio sono previsti anche mini-tagli agli assegni.

Una misura molto restrittiva e anti-furbetti di cui negli ultimi due anni si è sentito molto parlare a causa di numerosi scandali dovuto al possesso di auto, case e cariche penali a favore dei beneficiari.

I tagli

Il reddito di cittadinanza questo anno è costato allo Stato oltre 9 miliardi. Come riporta il Messaggero, La causa principale è stata la pandemia che ha inevitabilmente aumentato i beneficiari oltre che rallentato gli inserimenti lavorativi. Il governo però punta a riportare il prima possibile la spesa per la misura grillina ai livelli del 2020, vale a dire 7 miliardi.

Inoltre, la somma versata alle famiglie con al loro interno elementi considerati attivabili decrescerà. Dopo 6 mesi, verrà ridotta di 5 euro ogni mese fino a quando uno dei componenti del nucleo familiare interessato dalla decurtazione non troverà un lavoro. In pratica le famiglie rischiano di perdere 60 euro ogni anno, una cifra che equivale a un taglio della prestazione in media superiore al 10%.

Sono 1,68 milione le famiglie che percepiscono il reddito o la pensione di cittadinanza. Ciò significa che 3,5 milioni di cittadini sono coinvolti. L’importo medio versato ai beneficiari è stato pari a 578 euro mentre ai percettori della pensione 271 euro. La misura voluta dai 5 Stelle è costata allo Stato italiano oltre 18 miliardi di euro, 730 milioni solo lo scorso mese.

Le proposte di lavoro

Una delle principali novità riguarda il numero delle proposte di lavoro che possono essere rifiutate. Come detto, queste passano da 3 a 2 e una volta che saranno rifiutate entrambe si perderà il diritto all’aiuto. La prima proposta sarà riferita a un lavoro lontano non più di 80 chilometri dal luogo di residenza del percettore mentre la seconda potrà essere collocata ovunque in Italia e non più entro 250 chilometri.

Cambiano le cose anche in merito ai Puc, ovvero i progetti utili alla collettività tramite cui i sindaci possono impiegare a titolo gratuito i beneficiari del sussidio ritenuti occupabili in varie attività come la cura del verde pubblico. Ad oggi coloro che hanno partecipato ai Puc sono stati la minoranza: poche migliaia su oltre un milione di attivabili. La colpa però è anche dei Comuni i quali non riescono a dare vita a un numero sufficiente di progetti utili alla collettività. Per questo motivo il governo ha abbassato la soglia delle persone da occupare tramite i Puc. I sindaci, dunque, dovranno utilizzare un terzo dei percettori residenti.

I controlli

Saranno potenziate le verifiche da parte dell’Inps sui requisiti patrimoniali indicati nella dichiarazione sostitutiva unica da chi richiede la prestazione con particolare attenzione ai beni posseduti all’estero. Sarà compito dei Comuni effettuare controlli anagrafici immediati sulla composizione del nucleo familiare dichiarato nella domanda per l’accesso all’aiuto.

Viene poi allungato l’elenco dei reati considerati incompatibili con l’erogazione del reddito di cittadinanza, tra questi la ricettazione e l’induzione alla prostituzione minorile. Le modifiche apportate sul fronte reddito di cittadinanza sono comunque minime e sotto le aspettative. Come ha sottolineato ilGiornale in edicola, si tratta di un blando giro di vite. Fonte: Il Giornale
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo 
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)