Connect with us

Tv

Kevin Spacey, costretto a pagare 31 milioni per “House of Cards”

Pubblicato

il

kevin spacey

KEVIN SPACEY. Il famoso attore americano è stato al centro di una battaglia legale lunga due anni che adesso finisce con una salatissima multa. Un arbitrato ha deciso che Kevin Spacey, come riporta Ansa, deve pagare 31 milioni di dollari ai produttori di ‘House of cards’ per aver violato le regole di condotta sulle molestie sessuali.

Il verdetto dell’arbitrato è stato depositato da Mrc, la società di produzione, presso la Superior Court di Los Angeles.

L’attore, che nella serie americana interpreta il presidente Frank Underwood, era stato tagliato fuori dalla serie di Netflix dopo accuse di comportamento predatorio nei confronti di giovani uomini.

Dopo le accuse poi l’inchiesta, che lo hanno portato all’esclusione dell’attore dal suo ruolo nel film.

Anche Mrc, secondo l’arbitrato, riporta danno per via della condotta di Spacey. Infatti la serie ‘House of cards’ si è fermata alla stesa stagione. Si è dovuta riscrivere la sceneggiatura e abbreviarla da 13 a otto episodi per andare incontro alle scadenze di programmazione.

Fonte: Ansa.

Adriano Celentano su Instagram

Adriano Celentano è un fiume in piena su Instagram: con il suo nickname “Inesistente” ne ha per tutti. Proprio negli ultimi giorni, il molleggiato ha parlato dei talk show, responsabili, secondo lui, dell’odio che imperversa nelle strade.  In un lungo post di sei immagini, Celentano ha puntato il dito sui conduttori tv, in particolare su chi affronta temi come il Covid e i vaccini. Per Celentano “andrebbero licenziati tutti”.

La polemica impazza sul web: per i follower il riferimento ad un “Grassottello coi baffi”, quale capostipite dei “distributori di odio” sarebbe proprio Maurizio Costanzo.

La risposta di Celentano non si è fatta attendere: “Non voglio fare il nome altrimenti non viene radiato, è un tipo grassottello coi baffi non sempre tagliati bene… Individui chiamati apposta per parlare sopra a chi (con pacatezza) dice cose sensate, in modo che l’onda nera dell’odio sgorghi come un fiume in piena nelle case degli italiani”.

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo 
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)