Connect with us

attualità

Caritas, a Trecate sempre più famiglie da sfamare: “Mancano vestiti, cibo e denaro”

Pubblicato

il

Caritas

CARITAS. Si stima in media che ci sono centinaia di persone che almeno tre volte alla settimane si presentano alla Caritas di Trecate per ottenere un po’ di cibo, acqua e vestiti. Tra di esse ci sono madri, padri, bambini, e soprattutto persone in difficili condizioni economiche. L’ente parrocchiale cerca in tutti i modi per risolvere i bisogni di tutti. Così, dice: «Lo scorso anno abbiamo registrato 173 nuove famiglie e oggi arriviamo a 400. Però per quest’anno abbiamo già esaurito i fondi e non possiamo aiutarle come vorremmo».

Tra gli oggetti donato sono i più comuni: coperte, vestiti, prodotti alimentari, contributi per bollette, affitti e medicine. Ma purtroppo è arrivato il momento in cui il conto della stessa Caritas scende in rosso, ed alcuni volontari sono dovuti accorrere in soccorso ai più bisognosi per portarli in un ristoro e per confortarli.

«Siamo divisi in due sezioni. Una parte di noi pensa al guardaroba dei capi d’abbigliamento usati: alcuni vengono spediti in Albania tramite progetti parrocchiali, i restanti li cataloghiamo e li distribuiamo». Il tutto viene riferito dalla responsabile Franca Guaglio come riportato sulla Stampa.

«Un piccolo gruppo si occupa di scaricare la merce e di igienizzare tutti i prodotti», prosegue la responsabile mentre gira per la struttura. «Infine abbiamo un reparto addetto a prodotti di varia natura, come giocattoli o attrezzi utili per la casa, e ai generi alimentari».

I viveri sono smistati in cassette di plastica in base al numero di persone per famiglia e alle disponibilità di giornata. Le attività commerciali spesso offrono un aiuto alla Caritas offrendo il cibo avanzato in giornata. «Giriamo anche per il mercato del mercoledì in cerca di provviste», confessa Guaglio con un sorriso.

Inoltre, piena di gioia confessa: «Riceviamo l’otto per mille dalla Diocesi novarese per i nostri progetti, grandi quantità di cibo dal Banco Alimentare e il Comune di Trecate ci dona un aiuto economico tramite una convenzione. Ma non basta. Il Covid ha aumentato il numero di persone in difficoltà e per aiutarle ci servono denaro, alimenti, vestiti e altro ancora».

A fine intervista, la responsabile dice che si sta per raggiungere l’ultima tappa. Troppe le persone da sfamare, e l’economia viene a mancare. «Compriamo pane, frutta, verdura, olio, latte, pasta. Da soli non riusciamo a fare di più. E ogni aiuto che riceviamo è prezioso».
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo 
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)