Connect with us

cronaca

Piero Angela: “Al ristorante non chiedono il Green Pass” e denuncia l’accaduto

Pubblicato

il

Piero Angela

PIERO ANGELA, l’amato divulgatore scientifico, ha deciso di denunciare un cattivo esempio per gli esercizi locali come bar e ristoranti in quanto non controllano il Green Pass.

Sembra assurdo, ma accade proprio recentemente. Piero Angela, durante un’intervista a Il Messaggero, dice proprio questo :Il cameriere, per far prima, non mi ha controllato il Green pass. Ho provato a richiamarlo, ma niente. A quel punto credo di aver anche gridato. Ho preteso civilmente, e infine ottenuto, il controllo: non bisogna mai vergognarsi di chiedere il rispetto delle norme”.

È vero, il locale era pieno ed i camerieri tutti occupati a servire e non c’era tempo per un controllo, ma per il divulgatore qualcuno deve sempre accertarsi che per entrare sia in possesso di vaccinazione o tamponi con esito negativo.

Piero Angela non vuole l’arrivo della quarta ondata, e quindi s’impegna a rispettare tutte le regole previste dal Governo. “I gestori devono tutelare la salute dei loro clienti. E se questo non avviene, sta a noi segnalarlo. Parlare di protezione nei luoghi pubblici è altamente inutile, se poi non si procede al controllo“.

“Se qualcuno si irrita pazienza, bisogna comprendere che siamo dentro la pandemia ed in Stato di emergenza fino al 31 dicembre che verrà quasi sicuramente prorogata almeno fino ai primi mesi del 2022. “Ma il controllore deve controllare, punto. Più che irritarsi, sarebbe il caso di rendersi conto che questi controlli vengono fatti nell’interesse dei clienti“, dice.

Alla luce di questo episodio viene normale chiedere cosa ne pensa dei no vax e della situazione dei contagi al giorno d’oggi. “Mi stupisce come questa evidenza, pur documentata, non induca le persone incerte ad avere paura di una morte nove volte più vicina a loro che agli altri. I ribelli al Covid

hanno un atteggiamento completamente irrazionale, paragonabile a quelli che ho studiato in tanti anni di attività nel Cicap (l’associazione per il controllo sulle pseudoscienze, di cui è presidente e fondatore, ndr), che resiste anche di fronte all’evidenza. Per fortuna si tratta di una minoranza: personalmente spero che arrivino ulteriori restrizioni per chi si oppone“.

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo 
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

 

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)