Connect with us

mondo

Covid, Nuova variante dal Sudafrica: è allarme globale. Oms convoca riunione di emergenza

Pubblicato

il

Covid

COVID. La nuova variante del Covid-19 scoperta in Sudafrica spaventa. E’ la B.1.1.529, capace di molte mutazioni e per questo potenzialmente resistente agli anticorpi e ai vaccini. Alcuni Paesi sono subito corsi ai ripari.

L’Italia, con un’ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, ha vietato l’ingresso nel nostro Paese a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini. Stessa decisione per Regno Unito e Israele.

L’Oms si riunisce d’urgenza

Gli scienziati sudafricani hanno attribuito l’impennata di contagi proprio alla nuova variante. “Purtroppo abbiamo rilevato una nuova variante che è motivo di preoccupazione in Sudafrica – ha detto il virologo Tulio de Oliveira in una conferenza stampa convocata d’urgenza -.

La variante, denominata scientificamente B.1.1.529, ha un numero molto elevato di mutazioni”. La variante è stata rilevata anche in Botswana e a Hong Kong tra alcuni viaggiatori provenienti dal Sudafrica, ha aggiunto.

L’Organizzazione mondiale della sanità

Ha affermato che sta “monitorando da vicino” la variante segnalata e si riunirà in giornata per determinare se debba essere designata di “interesse” o di “preoccupazione”. “Le prime analisi mostrano che questa variante ha un gran numero di mutazioni che richiedono e saranno oggetto di ulteriori studi”, ha aggiunto l’Oms. Il ministro della Sanità sudafricano, Joe Phaahla, ha affermato che la variante è di “seria preoccupazione” e potenzialmente “una grave minaccia”.

L’Italia chiude i confini a sette Paesi africani

L’Italia è già corsa ai ripari. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha infatti firmato un’ordinanza per vietare l’ingresso da sette Paese africani. “Ho firmato una nuova ordinanza che vieta l’ingresso in Italia a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini. I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529. Nel frattempo seguiamo la strada della massima precauzione”, ha detto.

I provvedimenti degli altri Paesi

Gli Stati che stanno prendendo velocemente provvedimenti non sono solo Italia, Gran Bretagna e Israele. La Germania dichiarerà oggi il Sudafrica “zona di variante del virus” e, a partire da stasera, “le compagnie aeree potranno trasportare solo tedeschi” dal Paese africano.

Lo ha annunciato su Twitter il ministro della salute, Jens Spahn, aggiungendo che le persone che rientreranno dal Sudafrica dovranno rispettare “14 giorni di quarantena, anche quelle vaccinate”.

Le autorità sanitarie centrali indiane per il momento hanno allertato gli Stati, chiedendo di effettuare “rigorosi screening e test” sui viaggiatori in arrivo da Sudafrica, Botswana e Hong Kong, e di rintracciare e sottoporre a test tutte le persone con cui hanno avuto contatti.

La Nuova Zelanda

Ha fatto sapere di seguire da vicino i nuovi sviluppi, lasciando intendere che nuove misure saranno possibili dopo la riunione dell’Oms.

Variante sudafricana arrivata in Israele

Il ministero della Sanità israeliano ha annunciato che la nuova variante del Covid è stata individuata nel Paese in una persona rientrata dal Malawi. Le autorità hanno identificato anche altre due persone rientrate dall’estero che potrebbero essere state contagiate dalla variante e sono in attesa dei risultati dei test.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo 
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)