Connect with us

lifestyle

Roma, Stellato e Prof. Cafasso: “Servono urgenti misure per i debiti erariali, va rifinanziata la cassa integrazione”

Pubblicato

il

Roma

ROMA. Mentre il dibattito verte sul fondo emergenza Covid legato al taglio dell’Irpef, resta ancora irrisolto il tema della sospensione delle cartelle, che ha una rilevanza molto seria sulla condizione economica delle famiglie. I partiti continuano a lavorare alla ricerca di una soluzione e fanno slittare ancora il deposito degli emendamenti alla legge di bilancio, attesa in aula domani, 21 dicembre.

Il commercialista Ezio Stellato

Denuncia la gravità di questa situazione: “La politica italiana come sempre non si dimostra all’altezza e sembra non comprendere la tragicità della situazione di malessere in cui versano i cittadini.

Questa settimana si è presentata di fuoco per le sue importanti scadenze fiscali e non sono pochi coloro che, data la carenza di liquidità che persiste, non sono riusciti a far fronte alla mole dei pagamenti dovuti a vario titolo all’erario che questa volta richiede uno sforzo eccessivo data la grande concentrazione di scadenze.

Siccome gli incassi dalla rottamazione ter e del saldo a stralcio, sono ancora oggetto di dinamiche tra maggioranza e Governo, c’è da augurarsi almeno una “gradita” sorpresa a favore dei contribuenti: una ulteriore manovra verso una nuova pace con l’amministrazione fiscale, riammettendo al beneficio chi non è stato in grado di pagare e concedendogli una nuova rateizzazione.

Il termine del 14 dicembre

Era infatti perentorio: se non si paga si decade dal diritto. Mentre l’attenzione pubblica è sul tema della rottamazione, c’è una beffa all’orizzonte: dal 2 gennaio, per riprendere le vecchie rateazioni erariali, si dovrà versare tutte le rate insolute e si ritornerà al vecchio metodo ante Covid”.

Continua Stellato:

“La bozza di decreto legge approvata dal consiglio dei ministri il 14 dicembre, che proroga a fine marzo lo stato di emergenza Covid, non richiamando le disposizioni contenute nell’art.27 comma 1 del dl. n.137 del 2020 che consentono la trattazione in remoto delle udienze, si presenta come un’ulteriore beffa verso i cittadini.

Tenendo presente il comportamento molto variegato delle varie commissioni tributarie nel recente passato che spesso, anche a fronte di reiterate richieste per lo svolgimento dell’udienza a distanza, preferivano per “loro comodità“ l’udienza su carta, ossia svolta in forma scritta, la questione deve essere affrontata e risolta quanto prima per evitare che i futuri comportamenti seguiti dalle commissioni rischi di penalizzare il diritto di difesa dei contribuenti.

Tenendo conto degli ultimi aggiornamenti normativi del sistema informativo della giustizia tributaria, questo diritto può essere preservato pienamente unicamente con udienze in presenza o, come ripiego, in remoto.

L’ennesima mancanza di rispetto

Verso la dignità dei cittadini contribuenti da parte di chi, vivendo nei palazzi dei privilegi ha perso di vista la tragica realtà in cui versa il Paese scrivendo norme solo a favore di un sistema autoreferenziale, e che calpestando la Costituzione provoca danni irreparabili e drammi umani indegni di un paese civile. In questo senso, la politica è probabilmente distratta dalla bagarre per l’elezione del Presidente della Repubblica”

Dalle critiche di Stellato, si intuisce come i commercialisti di Napoli saranno a fianco degli avvocati nella battaglia a difesa dei diritti dei contribuenti.

“Alle scadenze legate ai contribuenti, si aggiungono i problemi dei nostri lavoratori. Occorre infatti rifinanziare la Cassa Integrazione per Covid che, seppur con ritardi e problemi burocratici, ha rappresentato un aiuto economico necessario durante la pandemia. Anche per i primi mesi del 2022 diventa pertanto un’urgente necessità, stante le limitazioni che man mano, sia dal Governo che dalle autonomie locali, si stanno susseguendo”, così si è espresso il Prof. Nino Carmine Cafasso, Presidente AIS (Associazione Imprese di Servizi), Giuslavorista e Consulente del Lavoro.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo 
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)