Connect with us

scuola

Scuola, torna la DAD solo per i non vaccinati: le nuove regole a vaglio del Governo

Pubblicato

il

Scuola

SCUOLA. Le Regioni chiedono al governo di garantire la didattica in presenza con nuove norme in tema di quarantena. Le indicazioni, che potrebbero essere discusse in Consiglio dei ministri il prossimo 5 gennaio, distinguono tra alunni vaccinati e non vaccinati e si applicherebbero alle scuole elementari e alle prime medie.

Nuove regole sulla quarantena degli studenti

E sul ricorso alla didattica a distanza potrebbero precedere il rientro a scuola dopo le feste natalizie, previsto tra il 7 e il 10 gennaio nelle diverse regioni. La linea, sottolineata ancora una volta dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, è quella di “tutelare la didattica in presenza”.

L’ipotesi più accreditata è che vengano approvate nuove norme in tema di quarantena per le scuole elementari e per la prima media, sulla scia di quelle già vigenti per le classi di grado più alto, come chiesto dalle Regioni al governo

Le regole su quando e come una classe debba chiudere dopo il riscontro di una positività al coronavirus potrebbero essere alleggerite, per evitare che – in un momento segnato da un forte aumento di contagi da coronavirus – troppi studenti tornino alla didattica a distanza.

UN CASO POSITIVO

Nelle scuole dell’infanzia, dove i bambini non sono per il momento vaccinabili, non cambierebbe nulla rispetto a quanto in vigore. Con un caso riscontrato di positività al coronavirus, scatterebbe ancora quindi la quarantena per tutti.

Non così invece alle elementari, dove i governatori delle Regioni chiedono di prevedere per tutti gli alunni dieci giorni di autosorveglianza

DUE CASI POSITIVI

Nel caso in cui gli studenti positivi, alle elementari e in prima media, fossero due nella stessa classe, le regole sarebbero diverse per i ragazzi vaccinati e quelli che non lo sono.

L’idea

E’ quella di prevedere un periodo di autosorveglianza di cinque giorni, con tampone a dieci giorni, per gli immunizzati o i guariti dal Covid-19 da non più di tre mesi. I non vaccinati entrerebbero invece in quarantena per dieci giorni, con conseguente attività didattica a distanza.

TRE CASI POSITIVI

Se il numero di contagi in una classe salisse a tre, sarebbe la Asl competente per territorio a valutare provvedimenti come la sospensione delle lezioni in presenza per tutti gli studenti.

Le richieste dei governatori

Potrebbero approdare in Consiglio dei ministri il prossimo 5 gennaio. Il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, dopo aver incontrato venerdì 31 dicembre i ministri dell’Istruzione e della Salute Patrizio Bianchi e Roberto Speranza, ha detto che si tratta di ipotesi di intervento che “vogliamo approfondire e condividere con l’esecutivo” per “permettere una ripresa dell’anno scolastico in presenza”.

LE MASCHERINE FFP2

Quello che è già stato stabilito è che al rientro in aula verranno distribuite mascherine Ffp2 al personale delle scuole d’infanzia e di altri istituti frequentati da alunni esentati dall’obbligo di indossare le mascherine.

LA CAMPAGNA VACCINALE

Intanto il governo punta ad accelerare sulle vaccinazioni dei più piccoli, i bambini di età compresa fra i 5 e gli 11 anni. Secondo l’ultimo report sull’andamento delle operazioni di immunizzazione, si starebbe però procedendo a rilento: oltre l’88% della platea di interessati non ha ricevuto la dose di vaccino anti Covid-19.

I CONTAGI

Preoccupa anche l’aumento dell’incidenza dei casi di coronavirus riscontrati nella popolazione sotto i 12 anni. Nell’ultimo report esteso sull’andamento della pandemia dell’Iss si segnala come il 26% dei casi Covid totali sia in età scolare (sotto i 20 anni), di cui 48% nella fascia d’età 6-11 anni, 36% fra 12-19 anni, 11% e 5% rispettivamente tra i 3 e i 5 anni e sotto i 3 anni.

LA RIAPERTURA DELLE SCUOLE

Alcune regioni potrebbero decidere di non riaprire le scuole tra il 7 e il 10 gennaio. Così ad esempio la Campania, dove il presidente di Regione Vincenzo De Luca valuta l’ipotesi di chiudere le scuole elementari in presenza per un mese – e quindi di ricorrere alle lezioni in Dad – per procedere con le somministrazioni dei vaccini e consentirne la riapertura in sicurezza.(Skytg24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)