Connect with us

cronaca

Omicidio Morazzone, è Daniele il bimbo di soli 7 anni sgozzato dal padre. Sul cadavere un biglietto: “Perdonami”. L’uomo era già ai domiciliari

Pubblicato

il

Morazzone

MORAZZONE. Morire a 7 anni, sgozzato dall’uomo che ti ha messo al mondo e che dovrebbe difenderti da tutto e tutti.

I Fatti

Un uomo di 40 anni, Davide Paitoni, ha ucciso il figlio di 7 anni Daniele nella sua abitazione di Morazzone (Varese).

Poi si è recato a Gazzada, sempre nel Varesotto, e ha tentato di uccidere la moglie, dalla quale si stava separando, che era ospite dai suoi genitori. L’uomo, un pregiudicato sottoposto alla misura restrittiva dei domiciliari, ha tentato la fuga ma è stato fermato dai carabinieri a Viggiù.

L’aggressione alla moglie

L’allarme è scattato intorno alle 19 di sabato quando l’uomo, dopo aver raggiunto la moglie che si trovava a casa dei genitori a Gazzada, l’ha aggredita cercando di ucciderla a pugnalate prima di scappare. La donna è stata soccorsa dai familiari e dal personale sanitario inviato sul posto da Areu ed è stata portata al pronto soccorso per le cure del caso. Non è in pericolo di vita.

Il biglietto sul corpo del figlio: “Perdonami”

I carabinieri si sono messi sulle tracce dell’uomo e hanno rinvenuto il corpo senza vita del figlio di 7 anni, nascosto in un armadio dell’abitazione di Morazzone. Il piccolo era stato raggiunto da un fendente alla gola. Sul corpo Paitoni aveva lasciato un biglietto: “Mi dispiace, perdonami. Papà”. Nella breve missiva l’uomo ha anche confessato il suo gesto ed espresso “grande disprezzo” per la moglie.

L’uomo fermato a Viggiù

L’uomo è stato quindi rintracciato a Viggiù e fermato. Paitoni aveva anche inviato un messaggio vocale al padre, dove lo avvertiva di aver fatto del male al bambino e di non guardare dentro l’armadio.

L’omicida era ai domiciliari per una coltellata a un collega

Paitoni si trovava agli arresti domiciliari per aver accoltellato alla schiena un collega di lavoro il 26 novembre ad Azzate, sempre in provincia di Varese. L’uomo aveva ottenuto di trascorrere il Capodanno con il figlio che, la sera del 2 gennaio, sarebbe dovuto tornare dalla madre.

Era stato aperto un codice rosso per maltrattamenti Non c’era stata una denuncia diretta da parte della moglie, ma in base ad alcune segnalazioni da parte di altri era stato aperto un codice rosso nei confronti di Paitoni per maltrattamenti in famiglia. I presunti maltrattamenti segnalati sarebbero cominciati nel 2019.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)