Connect with us

cronaca

Torre del Greco, bambino muore annegato: la madre accusata di omicidio. Lo ha ucciso perché credeva fosse disabile

Pubblicato

il

torre del greco

TORRE DEL GRECO. Credeva che il figlio di 2 anni fosse affetto da ritardo mentale. Così ieri sera, 2 gennaio, intorno alle 21, è uscita di casa col bimbo, è andata in riva al mare e lo ha gettato in acqua. Subito dopo ha chiesto aiuto, ma era ormai già troppo tardi: per il piccolo non c’era già più nulla da fare, quando alcuni ragazzi hanno raggiunto il corpicino era già esanime.

Storia terribile, quella che ci sarebbe, secondo le prime risultanze investigative, dietro la morte del bimbo annegato ieri sera a Torre del Greco, in provincia di Napoli.

La madre, una 40enne del posto, è stata interrogata dal pm di Torre Annunziata in presenza del difensore di fiducia e verrà trasferita nel carcere femminile di Pozzuoli: è gravemente indiziata del reato di omicidio volontario, in mattinata nei suoi confronti la Procura di Torre Annunziata ha emesso un provvedimento di fermo.

La tragedia è avvenuta tra le le 22:30 e le 22:45 di ieri, 2 gennaio. Diversi presenti hanno raccontato di avere sentito la donna che gridava e chiedeva aiuto, anche se non è chiaro se anche lei fosse in acqua o se fosse rimasta sulla battigia; a quel punto alcuni ragazzi si sarebbero avvicinati per soccorrere lei e il bambino, ma per il piccolo non ci sarebbe stato già più nulla da fare. Nonostante i tentativi di rianimarlo, è stato dichiarato deceduto per annegamento.

Le indagini sono affidate ai carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Torre del Greco, sotto il coordinamento della Procura di Torre Annunziata. Nelle scorse ore era circolata la voce che si fosse trattato di un tentativo di suicidio: la donna avrebbe provato a uccidersi portando con sé il bambino di appena due anni, lei sarebbe stata salvata da alcuni presenti ma per il bimbo non ci sarebbe stato nulla da fare, sarebbe annegato in pochi istanti.

Dai primi accertamenti è emerso che la donna si era allontanata da casa intorno alle 21 col figlio piccolo, il marito lo aveva segnalato alle forze dell’ordine.  Sulla scorta delle prime acquisizioni investigative, pare che la donna avesse deciso di uccidere il bambino perché convinta che fosse affetto da disabilità, nonostante non vi fossero conferme in tal senso dal punto di vista sanitario. Fonte: Fanpage
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)