Connect with us

cronaca

Davide morto a soli 22 anni dopo aver fatto il vaccino. La madre: “Basta falsità, aveva patologie pregresse”

Pubblicato

il

rimini

RIMINI. “Abbiamo ricevuto tantissimi messaggi di cordoglio, che non finiremo mai di ringraziare. Qualcuno sui social ha fatto però ipotesi non vere, voglio quindi specificare che nostro figlio non è morto né di Covid, né di vaccino, ma per una patologia congenita”.

Rimini, il dramma di Davide Berni

A fugare i dubbi del decesso del giovane cameriere, Davide Mohammed Berni, è la mamma Eliana.

“Nel 2020, pochi giorni prima che scoppiasse la pandemia, avevamo scoperto che Davide aveva l’aorta dilatata a livello del cuore. Ha fatto delle visite, poi con l’emergenza della pandemia si è bloccato tutto e non è andato avanti con i controlli, perché le agende erano chiuse e poi non era semplice convincerlo, perché si sa, a 22 anni i ragazzi sono sempre convinti di stare bene, si sentono invincibili.

Alcuni in questi giorni hanno commentato, attribuendo quanto è successo al Covid, perché dicono: stanno scomparendo troppi giovani, ma io lo ribadisco non è stato questo, né il vaccino che aveva fatto a inizio agosto a portarsi via il nostro Davide. Non è stato questo. Ci si può controllare sempre, ma se si sbaglia un giorno, può accadere il peggio, quello che poi è successo”.

“Davide era persona solare

amava tanto la vita e aveva una gran voglia di lavorare, era felicissimo di fare il cameriere e della squadra che aveva trovato. Nella sua vita ha sempre avuto una parola buona per tutti, non gli piacevano le critiche, trovava il bene ovunque. Considerata la sua età, era molto responsabile e maturo e questo l’aveva portato ad avere tanti amici. Si era diplomato all’Alberghiero Savioli e, spinto dalla voglia di crescere, ha cominciato a lavorare a sedici anni”.

La mamma volge quindi lo sguardo a quanti si sono stretti attorno alla sua famiglia. “I ragazzi ci sono stati molto vicini fino alla fine tant’è che l’altra sera ci siamo riuniti tutti insieme con l’intero staff del Birrodromo, dove Davide lavorava dall’anno scorso.

In questi giorni – racconta – non ci hanno mai lasciato soli, abbiamo ricevuto di continuo telefonate e messaggi da tantissime persone. Siamo infinitamente grati a tutti e per quanto hanno fatto per noi, da Fabio Ubaldi, suo datore di lavoro e il suo staff, ai dipendenti del Comune di Riccione dove lavoro, in particolare il coordinamento pedagogico, nonché Stefania Pierigè e gli assessori Alessandra Battarra e Laura Galli. Fonte: Il Resto del Carlino
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)