Connect with us

cronaca

Alba di Terrore, forte scossa di terremoto sveglia la popolazione: tutti in strada. Gli esperti: “Prossima eruzione del Vesuvio non violenta”

Pubblicato

il

terremoto

TERREMOTO. Nuova scossa di terremoto questa mattina all’alba. La terra in Italia continua a tremare e a far paura.

Stando a quanto riporta Salernotoday, alle 6.46 di questa mattina, una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 è stata registrata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia con epicentro a Sapri.

Il sisma

E’ avvenuto ad una profondità di circa 303.8 chilometri. Di conseguenza, non è stato avvertito dalla popolazione locale e non ha provocato, fortunatamente, alcun danno. Tra dicembre e gennaio sono stati diverse le scosse rilevate tra la zona sud della provincia di Salerno e la Calabria.

Il Vesuvio e la sua prossima eruzione

Nel frattempo in Campania, si tiene bene d’occhio il Vesuvio. Come riporta Il Mattino, infatti, il Vesuvio è costantemente sotto controllo per cogliere i segnali che potrebbero annunciare un suo risveglio, ma ci si chiede se sia possibile riuscire a prevedere quando potrebbe avvenire una nuova eruzione e quanto potrebbe essere violenta.

Una prima risposta arriva dalla ricerca coordinata dal Politecnico di Zurigo e pubblicata sulla rivista Science Advances, secondo la quale potrebbe intercorrere un intervallo di mille anni dall’ultima eruzione, avvenuta nel 1944.

Gli esperti

«È un dato scientifico interessante, ma le sue implicazioni potrebbero essere lette anche in modo diverso», osserva la vulcanologa Lucia Pappalardo, dell’Osservatorio Vesuviano dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). «I nuovi dati non chiudono il dibattito – aggiunge – e la questione resta aperta». Alla ricerca, coordinata da J”rn-Frederik Wotzlaw e Olivier Bachmann, entrambi del Politecnico di Zurigo, hanno partecipato gli italiani Francesca Forni, dell’Università di Milano, e Roberto Sulpizio, che lavora fra Università di Bari, sezione di Bologna dell’Ingv e Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).

I ricercatori hanno studiato le quattro più violente eruzioni del Vesuvio avvenute negli ultimi 10.000 anni: quella delle pomici di Mercato che risale a circa 9.000 anni fa, quella di Avellino avvenuta 3.950 anni fa e considerata «lo scenario peggiore», quella che nel 79 d.C. distrusse Pompei ed Ercolano (tutte e tre eruzioni pliniane, ossia fortemente esplosive), e quella di Pollena del 472 d.C., di tipo subpliniano, ma comunque confrontabile alla recente eruzione nelle Tonga, osservano i ricercatori. (IlMattino)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)