Connect with us

Senza categoria

Reddito di Cittadinanza, IL DISASTRO DELL’INPS: IL SUSSIDIO NON ARRIVA. Ecco cosa sta accadendo e come fare per risolvere

Pubblicato

il

reddito di cittadinanza

Nessuna lavorazione del Reddito di cittadinanza per quelle famiglie che hanno un percettore di maggiorazioni sociali, compresi i beneficiari di pensione di invalidità civile.

A riportare le importanti notizie è il portale The Wam. La motivazione non è chiara e tutto fa pensare a un problema tecnico di Inps. Questa ipotesi è anche surrogata dalla risposta di un account ufficiale dell’istituto, dove si ammette un problema procedurale.

In teoria, il Reddito di cittadinanza può essere erogato fino alla fine del mese, quindi sia Poste che Inps sono ancora nei crismi di legge, anche se i pagamenti in ritardo hanno creato un problema enorme a tutte quelle famiglie per cui il Reddito di cittadinanza è l’unica forma di sostegno economico.

Reddito di cittadinanza, nessuna lavorazione: pasticcio Inps

Come anticipato, pare ci siano stati problemi tecnici per l’inoltro e la trasmissione delle disposizioni di pagamento. Situazione coincidente, tra le altre cose, con rallentamenti del sito di Inps nelle aree private.

In risposta a un utente che chiedeva esplicitamente il motivo per cui non fossero ancora state pubblicate le lavorazioni del Reddito di cittadinanza l’account ufficiale di Inps denominato Inps per la famiglia ha risposto su Facebook:

«Ci dispiace molto per la situazione, ci sono stati dei problemi nell’invio e nella ricezione dei file con le disposizioni di pagamento. Oggi (ndr. 25 marzo) sono state inviate nuovamente le disposizioni di pagamento…».

Questo commento pare sia stato rimosso dalla pagina. Resta infatti soltanto la domanda dell’utente. Speriamo di sbagliarci e che Inps smentisca questo evento spiacevole.

Reddito di cittadinanza, nessuna lavorazione: niente panico

La situazione è davvero tragica per chi conta solo sull’entrata del Reddito di cittadinanza, ma la riposta dell’Inps dovrebbe fugare ogni dubbio.

Se davvero si tratta di un problema tecnico e procedurale, e non di tagli o recupero di soldi indebitamente percepiti, allora le famiglie possono tirare un sospiro di sollievo: i soldi arriveranno entro fine mese.

Infatti, il decreto che regola il Reddito di cittadinanza dà tempo a Inps (che dispone i pagamenti) e Poste (che eroga i soldi) di pagare entro la fine del mese. In questo caso, quindi, entro il 31 marzo.

Che fare se non si riceve il pagamento del reddito di cittadinanza di marzo?

Se entro il 1° aprile non riceverai la ricarica mensile, puoi:

  • inviare una segnalazione online attraverso il servizio INPS risponde;
  • andare in una sede provinciale INPS.

Chi non ha un Isee aggiornato, potrebbe vedersi bloccare la ricarica. Assicurati, quindi, che tutti i documenti siano aggiornati e in linea con le richieste dell’INPS. Se hai dubbi, rivolgiti a un Caf o un patronato. Fonte: The Wam.

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)