Connect with us

Guerra Ucraina

Guerra Ucraina, il sindaco di Mariupol: “Russia vuole cancellarci dalla faccia della terra”

Published

on

ucraina

Ministero Difesa UK: “Avanzata russa al Nord è ferma”

Il fronte della guerra russa a nord di Kiev è praticamente fermo. La conferma arriva dal ministero della Difesa del Regno Unito nel consueto briefing mattutino sull’andamento dell’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito di Putin. “Il campo di battaglia nel nord dell’Ucraina rimane praticamente sulle stesse posizioni di questi ultimi giorni”, si legge su Twitter, “con i contrattacchi ucraini che sono finalizzati a impedire che i russi riorganizzino le loro forze”. Diversa la situazione nel sud est del Paese, con gli attacchi russi che si stanno concentrando su Kharkiv e Mariupol.

Ministro ucraino dell’Energia: “Non ci si può fidare di Putin, bisogna tagliare gas russo”

“Noi ucraini abbiamo sempre messo in guardia l’Europa sui rischi della dipendenza energetica dalla Russia. La lezione di oggi ribadisce che di Putin non ci si può affatto fidare, tanto che resto anche scettico sulle sue eventuali promesse al tavolo dei negoziati”: lo ha detto in un’intervista con il Corriere della Sera il ministro dell’Energia ucraino, German Galushchenko, spiegando che ci deve essere un taglio netto dalle importazioni di gas russo. “Ho molto apprezzato le scelte italiane e in generale degli europei di mettervi assieme per comprare il gas da altri produttori. Diversificare le fonti è vitale per tutti. Penso, da tecnico che si occupa da decenni di questi temi, che il ricorso al gas liquido sia importante, facilita anche il trasporto e lo stoccaggio”, ha aggiunto.

Londra dice che le sanzioni alla Russia possono essere revocate, se l’esercito si ritira

Le sanzioni imposte alla Russia dal Regno Unito dopo l’invasione dell’Ucraina potrebbero essere revocate se Vladimir Putin accettasse un cessate il fuoco e ordinasse il ritiro dell’esercito. Lo ha detto la ministra degli Esteri britannica, Liz Truss in un’intervista al Sunday Telegraph. “Le sanzioni possono essere annullate solo con un cessate il fuoco totale e il ritiro delle truppe, ma anche con l’impegno a non commettere più aggressioni”, ha detto.

Sindaco di Mariupol: “Russia vuole cancellarci dalla faccia della terra”

Il sindaco di Mariupol, Vadym Boichenko, ha accusato la Russia di voler “cancellare dalla faccia della terra” la sua città, assediata da diverse settimane e in piena crisi umanitaria. Parlando all’agenzia ucraina Unian ha denunciato i militari russi per “azioni spietate” contro gli abitanti di Mariupol, che continua a resistere nonostante sia circondata.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Guerra Ucraina

Guerra Ucraina, Kiev: “Scoperte 22 camere di tortura a Kharkiv”

Published

on

Ucraina stanza delle torture

GUERRA UCRAINA. L’ultima ritrovata a Piski-Radkivskii, nel distretto di Izium, dove rinvenute giacche e borse del personale dell’esercito ucraino. Trovati i corpi di 534 ucraini nella parte liberata della città.

Le autorità ucraine

Hanno denunciato la scoperta di 22 camere di tortura nella regione di Kharkiv, nelle aree in precedenza sotto il controllo delle forze russe. Lo ha riferito Serhii Bolvinov, capo del dipartimento investigativo della polizia regionale. “Praticamente in tutte le città e le grandi città in cui stabilite le truppe russe, trovati luoghi di detenzione di civili e prigionieri di guerra. I principali metodi di tortura includono percosse, soffocamento ed elettrocuzione, tra le altre pratiche”. Lo dice Bolvinov, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Ukrinform.

L’ultima di queste camere ritrovata a Piski-Radkivskii, nel distretto di Izium, dove rinvenute giacche e borse del personale dell’esercito ucraino. Da informazioni precedenti sembrerebbe che una dozzina di soldati russi si trovassero regolarmente nell’edificio utilizzato per le torture.

I corpi di 534 ucraini uccisi scoperti a Kharkiv

I corpi di 534 ucraini uccisi dai russi scoperti nella parte della regione di Kharkiv liberata dalle forze ucraine. Lo ha annunciato Serhiy Bolvinov, capo del dipartimento investigativo della direzione della polizia nazionale nella regione di Kharkiv, durante un briefing online, secondo quanto riporta Unian. “Purtroppo abbiamo già registrato e prelevato dai territori disoccupati i corpi di 534 civili, di cui 226 donne, 260 uomini, 19 bambini (13 di loro non sono stati identificati) e 29 resti umani, il cui sesso non è stato ancora determinato” , ha detto Bolvinov aggiungendo che sono state scoperte 22 camere di tortura.

Ucraina – Un’altra camera delle torture: maschere anti-gas e capsule dentali

Soltanto ieri un’altra galleria degli orrori è stata trovata in un bosco a Pisky-Radkivski, villaggio nella regione di Kharkiv sulla riva destra del fiume Oskil. Una nuova camera delle torture scoperta dalla polizia ucraina nella località da poco tornata sotto il controllo di Kiev dopo la ritirata delle truppe di Mosca dove sono state rinvenute “una maschera antigas messa sulla testa di una vittima che è stata coperta con uno straccio che bruciava e sepolta viva” e “una scatola di capsule dentali d’oro”. “Una mini Auschwitz”, ha denunciato il ministero della Difesa ucraino pubblicando le due immagini, scattate dal capo del dipartimento investigativo dei servizi di sicurezza nell’oblast, Serhiy Bolvinov: un’inquietante riproposizione delle pratiche naziste nei confronti dei prigionieri nei campi di concentramento. (Skytg24)


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading

Guerra Ucraina

Ultim’ora Ucraina, Ue: “Prepararsi a risposta in caso di attacco nucleare russo”

Published

on

Ucraina

GUERRA UCRAINA. L’Eurocamera chiede all’Ue di preparare una risposta in caso di attacco nucleare russo. Questo il contenuto della relazione sull’escalation russa in Ucraina approvata dal Parlamento europeo con 504 voti a favore, 26 contrari e 36 astensioni in cui si chiede inoltre un forte aumento dell’assistenza militare a Kiev, la condanna dei referendum farsa e delle minacce nucleari di Putin e l’istituzione di un tribunale internazionale ad hoc. Il Consiglio Europeo ha adottato l’ottavo pacchetto sanzioni contro la Russia in risposta “all’annessione illegale delle regioni ucraine di Donetsk, Luhansk, Zaporizhzhia e Kherson”.

Per il premier ungherese, Viktor Orbán, è una politica fallita che deve essere ripensata: la guerra non è finita, i prezzi in Europa sono alle stelle, la Russia sta realizzando profitti. Intanto sul campo, questa mattina sono avvenuti sette raid missilistici russi contro la città di Zaporizhzhia, colpite infrastrutture ed edifici residenziali: due vittime accertate, ma ‘decine di persone sotto le macerie’, afferma il capo dell’amministrazione militare. Nella notte bombe russe anche su un’infrastruttura a Kharkiv – nella cui regione sono stati scoperti i corpi di 534 ucraini e 22 camere di tortura – e droni kamikaze su Odessa e Mykolaiv.

Ucraina – Zelensky al vertice di Praga: ‘La Russia è contro l’Europa’

“La Russia non è presente perché è il Paese più anti-europeo. L’Ucraina non ha voluto questa guerra, mai. La Russia vuole ridisegnare i nostri confini”. Sono questi alcuni passaggi del discorso che il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha tenuto in videocollegamento al vertice della Comunità politica europea a Praga. “E’ necessario che un tribunale” giudichi quanto accaduto, “è necessario che l’Ucraina sia risarcita dei danni”, ha aggiunto. (Skytg24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading

Guerra Ucraina

Guerra Ucraina, Usa: “Nessuna indicazione che Mosca stia per usare l’atomica”

Published

on

Ucraina

GUERRA UCRAINA. “Prendiamo molto sul serio qualsiasi minaccia nucleare. Al momento non abbiamo alcuna indicazione che la Russia si stia preparando nell’immediato a usare quel tipo di armi”. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, in un briefing con la stampa.

Ucraina – Mosca: “Armi Usa a Kiev avvicinano il conflitto tra Russia e Nato”

Il sostegno militare degli Stati Uniti all’Ucraina “spinge la situazione più vicina al pericoloso punto di un confronto militare diretto tra Russia e Nato”. Lo ha dichiarato il vicedirettore del Dipartimento per la non proliferazione e il controllo delle armi del ministero degli Esteri di Mosca, Konstantin Vorontsov, durante un incontro all’Onu. Lo riferisce la Tass.

Media Ucraina: Kiev ha fatto richiesta adesione alla Nato

Il segretario generale dell’Nato Jens Stoltenberg ha ricevuto la richiesta di adesione dell’Ucraina all’Alleanza. Lo riporta in un tweet il Kyiv Independent. Gli ambasciatori degli Stati membri della Nato, scrive il quotidiano ucraino citando Ihor Zhovkva, vice capo gabinetto del presidente Volodymyr Zelensky, “discuteranno la richiesta a Bruxelles”.

Biden a Zelensky: sanzioni a chi sosterrà annessione Russia

Joe Biden si è impegnato con Volodymr Zelensky a continuare a sostenere l’Ucraina contro l’aggressione della Russia “per tutto il tempo necessario”, e a imporre sanzioni contri qualsiasi Paese che sostenga l’annessione di territorio ucraino. Lo riferisce la Casa Bianca in una nota sulla telefonata tra il presidente americano e il leader ucraino. Biden ha annunciato a Zelensky l’invio di nuove armi per 625 milioni di dollari. Il presidente ha anche affermato la volontà degli Stati Uniti di continuare ad “imporre alti costi a qualsiasi individuo, entità o paese che fornisca supporto alla presunta annessione della Russia”.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading
Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

Trending

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)