Connect with us

cronaca

Brucia vivo il fratello per per i soldi dell’assicurazione: Domenico ucciso a 33 anni dal suo stesso sangue. La svolta nel giallo

Pubblicato

il

Domenico Martone

Il fratello di 36 anni è stato arrestato. L’avrebbe ucciso per una polizza che lui stesso aveva fatto stipulare a Domenico

LETTERE. Una tragedia assurda, una storia che sa di orrore. Arso vivo dal fratello per i soldi dell’assicurazione. Per questo è morto Domenico.

I fatti

Secondo quanto riportato da Il Mattino, sono saliti insieme in auto in una proprietà di famiglia, lo avrebbe tramortito con un colpo alla testa per poi dargli fuoco e fuggire a piedi. Domenico, però, è stato arso vivo e prima di morire ha respirato il fumo.

Un omicidio premeditato

Per riscuotere una cospicua polizza vita che gli aveva fatto firmare un anno fa e di cui era l’unico beneficiario, prima di fuggire all’estero dove lo attendeva la fidanzata asiatica. È stato arrestato ieri mattina, nella sua abitazione di Sant’Antonio Abate, Antonio Martone, 36 anni, marittimo, accusato di omicidio premeditato e pluriaggravato del fratello Domenico, 33 anni, lavoratore stagionale da qualche anno residente ad Angri insieme ai genitori.

Per due settimane, i carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia hanno condotto le indagini senza sosta, eseguendo ieri mattina il decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura di Torre Annunziata (procuratore Nunzio Fragliasso, sostituti Emilio Prisco e Bianca Maria Colangelo) che ha coordinato tutte le attività. Tra le aggravanti contestate ci sono il vincolo di stretta parentela e quella della crudeltà. Perché Antonio avrebbe dato fuoco al corpo del fratello mentre era ancora in vita, seppur privo di sensi, per incassare circa 300mila euro. Antonio e Domenico come Caino e Abele.

È questa l’agghiacciante ipotesi degli inquirenti, sull’insolito e inquietante delitto avvenuto il 30 marzo scorso sotto la tettoia in un fondo agricolo ai piedi delle colline di Lettere, a due passi dal centro abitato di Sant’Antonio Abate. Un omicidio che inizialmente sembrava inspiegabile, proprio perché Domenico era un bravo ragazzo, non aveva problemi con nessuno, di carattere introverso, ma mai litigioso. Si dava da fare in casa, aiutava il papà a curare l’orto e lavorava da stagionale in alcune aziende conserviere della zona. Insomma, non aveva nemici né particolari problemi.

Il rogo

E’ stato domato e sono stati chiamati ad intervenire anche i carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia, che hanno avviato le indagini. Sul posto era parcheggiata l’auto con la quale erano arrivati nel fondo agricolo i due fratelli. All’interno dell’abitacolo è stata ritrovata la copia del green-pass che ha permesso di dare un’identità alla vittima.

La successiva autopsia ha permesso di ricostruire con esattezza anche la dinamica del fatto: Domenico è stato bruciato quando era ancora vivo, perché nei polmoni erano presenti i fumi di combustione. Era privo di sensi, perché non ha tentato di reagire, ma respirava ancora. Una morte atroce.

Con la morte di Domenico

Antonio avrebbe incassato circa 300mila euro di premio assicurativo. Una polizza vita che l’uomo aveva firmato lo scorso anno, proprio su consiglio di Antonio, che aveva reso unico beneficiario. Quei soldi, secondo l’accusa, sarebbero serviti per rifarsi una vita in Asia, dove vive la fidanzata del presunto assassino.(IlMattino)

Il presunto assassino è stato trasferito nel carcere di Poggioreale, a Napoli. Secondo gli investigatori era concreto il pericolo di fuga: l’uomo, che è un marittimo incensurato, ha una relazione con una donna residente all’estero.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)