Connect with us

New York

New York, Assalitore: “Volevo vedere le persone morire, ho avuto uno stress post-traumatico”

Pubblicato

il

New York

NEW YORK. “Volevo vedere le persone morire immediatamente davanti alla mia fottuta faccia”. Lo afferma Frank James, 62enne sospettato per la sparatoria in metropolitana a Brooklyn, in uno dei numerosi video che ha postato sui social.

“Ho fatto un sacco di c..te in cui posso dire che volevo uccidere le persone. Volevo vedere le persone morire immediatamente davanti alla mia fottuta faccia”, ha detto nel suo ultimo video caricato l’11 aprile, sottolineando di non voler andare “in nessun fottuto carcere”.(Tgcom24)

I Fatti

Almeno 29 persone sono rimaste ferite in una sparatoria, all’interno della metropolitana di Sunset Park a New York.

Tra i feriti alcuni sono solo rimasti intossicati dal fumo della bomba fumogena che l’attentatore ha lanciato prima di fuggire: nessuno è in pericolo di vita. L’aggressione è iniziata all’interno di un vagone dei treni della metro alle 8:30 del mattino.

Le immagini diffuse sui social

Ritraggono persone insanguinate sulla banchina. Le autorità hanno identificato l’assalitore grazie a una carta di credito trovata nella stazione della metro. Il sospettato, un afroamericano alto un metro e 65 centimetri, indossava una maschera antigas e un giubbino arancione: era vestito come un dipendente della Metropolitan Transportation Authority; ciò gli ha consentito di mimetizzarsi fra la folla. Ora è caccia all’uomo. Ma la polizia avverte: “Non si tratta di terrorismo”.

Nelle immagini pubblicate sui social si vedono diverse persone a terra, assistite da altri pendolari, e scene di panico sulla banchina. Le foto mostrano anche scie di sangue sul pavimento della stazione proprio di fronte a un vagone della metropolitana fermo. Nel momento in cui la sparatoria è iniziata alcuni feriti si sarebbero lanciati in un treno che stava passando per scappare. Secondo la polizia di New York “è una fortuna” che non sia andata anche peggio”. Il sospettato ha sparato “almeno 33 colpi” e sulla scena del crimine sono state rinvenute una pistola Glock 17 da 9 millimetri e anche un’accetta.

Il sindaco di New York Eric Leroy Adams

Continua a seguire gli sviluppi sulla sparatoria e lancia un avvertimento alla popolazione: “Mentre raccogliamo informazioni, chiediamo ai residenti di tenersi alla larga dall’area per loro sicurezza e per facilitare le indagini”, afferma il suo portavoce. Nessun dispositivo esplosivo è stato trovato nella metropolitana. Varie linee, tra Brooklyn e Manhattan, sono state sospese. Lo ha fatto sapere su Twitter la Metropolitan Transit Authority.

Le scuole nell’area di Brooklyn sono state poste sotto sicurezza, nessuna persona è autorizzata a uscirne e solo chi vi studia può entrare. Lo ha dichiarato un portavoce del dipartimento dell’Educazione. Intanto anche l’Fbi è arrivata sulla scena del crimine. La sparatoria ha infatti causato allarme anche in altre città americane, dove la sicurezza è stata rafforzata e in particolare a Washington, dove al momento però non c’è nessuna credibile minaccia.

Secondo la Cnn, che cita fonti della polizia, le forze dell’ordine di New York stanno cercando un furgoncino U-Haul con la targa dell’Arizona. La polizia ha anche avvertito che “l’autista alla guida potrebbe essere pericoloso”. Il furgone è stato noleggiato l’11 aprile a Philadelphia. Il contratto di noleggio mostra che la prenotazione è stata effettuata il 6 aprile. Il mezzo doveva essere ritirato l’11 aprile alle 14:01. Secondo la prenotazione, il noleggio era di due giorni.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)