Connect with us

Senza categoria

Guerra Ucraina, G7: “Nuove sanzioni contro Putin”. Draghi: “Dobbiamo raggiungere un cessate il fuoco”

Pubblicato

il

Ucraina

GUERRA UCRAINA. Leader si sono riuniti in videoconferenza per discutere degli ultimi sviluppi della guerra e del suo impatto. Presente all’incontro anche il presidente ucraino Zelensky che “ha sottolineato la ferma determinazione dell’Ucraina a proteggere la propria sovranità e integrità territoriale” e “ha affermato che l’obiettivo finale è garantire il pieno ritiro delle forze russe dall’intero territorio”.

“Continueremo e rafforzeremo la nostra campagna contro le élite finanziarie e i membri delle loro famiglie che sostengono il presidente Putin nei suoi sforzi bellici e sperperano le risorse del popolo russo. In accordo con le nostre autorità nazionali, imporremo sanzioni nei confronti di altri individui”. Ad annunciarlo sono i Paesi del G7, che riunitisi oggi in videoconferenza hanno anche dichiarato l’impegno a fermare l’import del petrolio russo.

Presente anche il presidente ucraino Zelensky che, si legge nella dichiarazione finale dopo il summit, “ha affermato che l’obiettivo finale dell’Ucraina è garantire il pieno ritiro delle forze russe dall’intero territorio”. Il presidente del Consiglio Draghi: “Dobbiamo continuare a sostenere l’Ucraina e dobbiamo andare avanti con il sesto pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia. Allo stesso tempo, dobbiamo fare ogni sforzo per aiutare a raggiungere quanto prima un cessate il fuoco e per dare nuovo slancio ai negoziati”.

Il vertice

Un funzionario della Casa Bianca ha riferito che l’incontro del G7 era incentrato sugli ultimi sviluppi della guerra in l’Ucraina e i leader avrebbero discusso anche di “una risposta collettiva all’insegna dell’unità del G7, compreso il ricorso a sanzioni senza precedenti per imporre gravi costi a Putin”.
Al vertice, coordinato dal cancelliere tedesco Olaf Scholz, ha partecipato anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a cui i leader affermano di aver assicurato supporto “per la coraggiosa difesa dell’integrità territoriale [dell’Ucraina] e la sua lotta per un futuro pacifico, prospero e democratico”.

Nel comunicato diffuso al termine, il G7 afferma di essere pronto ad intraprendere altre azioni per aiutare il Paese, anche dal punto di vista dell’assistenza militare e finanziaria affinché le persone possano usufruire dei servizi di base. Dura la condanna al presidente russo. I leader si dicono “scioccati” dalla “perdita umana su vasta scala, dall’attacco ai diritti umani e dalla distruzione”.

Secondo loro, le azioni di Putin hanno portato “onta sulla Russia e sugli storici sacrifici del suo popolo” e “non saranno risparmiati gli sforzi” per procedere contro “il presidente Putin, gli architetti e i complici di questa aggressione, incluso il regime di Lukashenko in Bielorussia”. Una linea che gli Usa hanno mostrato di voler perseguire da subito, annunciando al termine dell’incontro, gli Stati Uniti nuove sanzioni. (Skytg24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)