Connect with us

cronaca

Non solo Napoli, i Pronto Soccorso d’Italia in trincea: mancano 4.200 medici

Pubblicato

il

Pronto soccorso

Il caos dei Pronto soccorso è scoppiato in questi ultimi giorni con un fragore che sta facendo parlare di “caso emergenza” in Italia. Caos partito dall’ospedale Cardarelli di Napoli, in cui le barelle con i malati, assiepate a 30 circa centimetri l’una dall’altra, hanno fatto gridare allo scandalo per primi i parenti.

Ma non c’è solo Napoli

C’è anche Bologna, dove la porta d’accesso della sanità, resta un punto dolente: ogni giorno arrivano segnalazioni di pazienti che aspettano ore e ore prima di essere visitati. “Qui il problema – spiegano i vertici della sanità in Emilia Romagna – i lunghi tempi d’attesa dipendono principalmente dalla carenza dei medici che lavorano nel settore dell’emergenza-urgenza e dal consistente numero di accessi al Pronto soccorso ormai vicino ai tempi pre Covid.

E poi c’è Milano, con i suoi Pronto soccorso colpiti da un attacco informatico la notte del primo maggio. La cosa ha generato una situazione critica che si sta riverberando pesantemente sugli altri ospedali: dal primo maggio era interdetta l’entrata alle ambulanze nei presìdi di emergenza di Sacco, Fatebenefratelli, Macedonio Melloni e Buzzi, salvo nei casi in cui i pazienti non potessero essere dirottati altrove per particolari esigenze.

In sofferenza il 45% dei Pronto soccorso italiani

Il riferimento va al caso, definito “estremo” da Simeu, dell’ospedale Cardarelli, “drammatico esempio, ma dalle recenti stime della società, il 45% delle strutture operative italiane ne soffrono”. Parte da queste pesanti premesse il Congresso Nazionale Simeu “Navigando verso il futuro, consapevoli del proprio passato”, organizzato al Palacongressi di Riccione dal 13 al 15 maggio. Ci saranno almeno 1.000 professionisti: medici ed infermieri, ma anche moltissimi giovani specializzandi che, nonostante tutto, scelgono per passione questa disciplina tanto scomoda quanto affascinante.

Ma, andando oltre gli attuali problemi, in quella sede verranno poste anche le premesse per poter continuare a guardare al domani, infondendo fiducia nei giovani professionisti. “Lo farà Francesca Mangiatordi, la dottoressa nota per essere autrice della foto simbolo scattata durante della prima ondata pandemica (ritrae Elena, infermiera, che dorme stremata sulla tastiera del computer a fine turno) – sottolineano gli organizzatori – . Mangiatordi evidenzierà le buone ragioni per continuare a resistere e a lottare per difendere i Pronto soccorso dal rischio estinzione”.(Repubblica)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)