Connect with us

cronaca

Luca muore nell’auto parcheggiata ma nessuno se ne accorge, il corpo senza vita trovato 24 ore dopo

Pubblicato

il

luca

Quando alcuni passanti si sono accorti di lui, esanime nell’auto parcheggiata, hanno capito subito che gli era capitato qualcosa di brutto e hanno allertato i soccorsi, ma all’arrivo del 118 era ormai troppo tardi perché la morte di Luca Rudatis in realtà risaliva a circa 24 ore prima e i sanitari ne hanno solo potuto accertare il decesso. È la triste vicenda di un 37enne bellunese morto nella sua auto ferma in un parcheggio nel comune di Pedavena e rivenuto cadavere solo il giorno dopo.

Il terribile rinvenimento nel pomeriggio di domenica quando alcuni passanti hanno scorto dalla vettura il suo corpo disteso sul posto di guida e hanno lanciato l’allarme. I carabinieri della radiomobile di Feltre, accorsi subito dopo la richiesta del 118, lo hanno identificato in poco tempo come Luca Rudatis, un uomo residente formalmente a Borgo Valbelluna che avrebbe compiuto 38 anni il prossimo 9 ottobre. A stroncarlo probabilmente un malore improvviso che lo ha colpito mentre era da solo in quella utilitaria che era diventa da poco la sua casa.

In base a un primo esame eterno da parte del medico legale, sul corpo dell’uomo infatti non ci sarebbero segni evidenti di violenza anche se la salma del trentasettenne è stata trasferita all’obitorio di Feltre  a disposizione dell’Autorità giudiziaria che potrebbe anche disporre l’autopsia per chiarire le esatte cause di morte e l’orario preciso del decesso.

La notizia ha sconvolto la comunità dell’Agordino dove tanti conoscono la famiglia dell’uomo. Luca infatti è il figlio di Giuseppe Rudatis, conosciuto come il “Barone delle Dolomiti”, distrutto dal dolore dopo aver appreso la notizia. “Ci hanno solo detto che è stato un malore ma non sappiamo altro. Io e la mia ex moglie non eravamo al corrente che ultimamente viveva in auto, a noi diceva che andava regolarmente al lavoro, che aveva preso in affitto un appartamento e viveva con una sua nuova amica” ha raccontato l’uomo in una lettera pubblica all’emittente agordina Radio Più, spiegando: “Non ci aveva mai detto nulla dei sui drammi, e non aveva chiesto aiuto. L’avessimo saputo mai l’avremmo lasciato lì da solo. Andavo a prenderlo e me lo portavo a casa o da sua madre”. Oltre a effetti personali, i carabinieri hanno trovato nella vettura ingenti quantità bottiglie di birra e vino. Secondo i sanitari il decesso potrebbe essere compatibile anche con una grave intossicazione alcolica. Fonte: Fanpage
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)