Connect with us

Senza categoria

Assegno Unico, PAGAMENTO DI MAGGIO ANCORA BLOCCATO. NIENTE SOLDI SULLA CARTA, ecco quando arriva davvero. E’ ufficiale

Pubblicato

il

Assegno unico

Ormai la maggior parte degli aventi diritto, come ci confermano in molti, hanno ricevuto anche gli arretrati delle mensilità di marzo e aprile, relativamente ai pagamenti dell’assegno unico e universale per i figli minori.

E per quanto riguarda l’assegno unico pagamento maggio 2022? Farà parte anch’esso dei famosi “arretrati”? Quel che è certo è che c’è un ritardo negli accrediti e probabilmente è una condizione a cui tutti i beneficiari dovranno più o meno abituarsi, nel tempo.

A onor del vero, in tanti hanno da poco ricevuto il doppio accredito previsto a maggio per tutti coloro che, dallo scorso febbraio, non avevano più ricevuto neppure un euro.

Ragion per cui, si può mettere in conto un po’ di pazienza nell’attendere, anche perché il bonifico comunque non dovrebbe tardare ad arrivare.

Ecco le prossime date per l’erogazione.

Pagamento assegno unico maggio: quando arriva?

Al netto del pagamento di tutti gli arretrati ormai arrivati quasi a tutti, per ciò che concerne l’assegno unico pagamento maggio, ancora non è possibile parlare di ritardi.

L’Inps in teoria ha tempo fino all’ultimo giorno del mese, per dare il via alle erogazioni dirette sui conti correnti dei vari nuclei familiari beneficiari.

Chi dunque pensa di poter far affidamento su questa entrata mensile, in una data fissa e precisa, per regolarsi a sua volta con altre spese da sostenere, è destinato a fare male i suoi conti.

Pur rappresentando un’entrata regolare, su base mensile, non è possibile fissare a monte una data sul calendario.

Assegno unico pagamento maggio 2022: date di pagamento

Fermo restando dunque che non esiste un calendario ufficiale con tutte le date previste per i pagamenti dell’assegno unico, mese dopo mese, ad oggi, la data più plausibile per l’erogazione del pagamento assegno unico del mese in corso, resta quella del 26 maggio. 

Da lì alla fine del mese comunque, il nuovo accredito dovrebbe arrivare per tutti.

A ogni modo, nonostante la flessibilità che ognuno di noi può avere per quanto riguarda il giorno del pagamento, le polemiche più accese sono nate intorno al fatto che in realtà l’ente non ha rispettato neppure il termine mensile, per l’accredito delle somme spettanti.

Assegno unico maggio 2022 non pagato: perché non arriva?

Abbiamo visto che, per alcune famiglie, in effetti si sono registrati dei rallentamenti nell’erogazione delle mensilità di marzo e aprile.

Avendo dunque erogato anche gli arretrati, ora dovrebbe essere più semplice allinearsi sui vari pagamenti futuri, che dovrebbero quindi risultare più regolari, nella loro cadenza mensile.

Il fatto che l’assegno unico maggio 2022 risulti ancora non pagato è dovuto dunque all’accumulo di ritardo conseguente a questi ultimi bonifici predisposti solo alcuni giorni fa.

E comunque sia, come abbiamo già avuto modo di sottolineare, in realtà non si può ancora ufficialmente affermare che la mensilità del mese corrente sia “non pagata” dal momento che c’è ancora qualche giorno di tempo a disposizione.

Al di là di tutti questi contrattempi, c’è da aggiungere anche il fatto che, a partire dal 1° marzo 2022, l’assegno unico è effettivamente entrato in vigore “per tutti” quindi è diventato davvero universale.

Fino a quel momento non era così. Dallo scorso luglio 2021 a febbraio 2022 infatti, il provvedimento ha riguardato soltanto alcune categorie di persone, quali i lavoratori titolari di partita Iva, i disoccupati, gli incapienti e i percettori di reddito di cittadinanza.

Solo dal 1° marzo in poi, anche i lavoratori dipendenti, sia del settore pubblico che del privato, hanno potuto richiedere l’assegno anche per sé.

Ma mentre le categorie beneficiare della fase di rodaggio (quando l’assegno unico era “temporaneo”) non avevano mai percepito nulla in tal senso, per i lavoratori dipendenti, l’entrata in vigore dell’assegno unico ha coinciso con l’eliminazione degli assegni per il nucleo familiare ANF.

Un passaggio molto delicato dunque, che ha sicuramente sovraccaricato la macchina burocratica, rallentandola.

Quando viene pagato l’assegno unico: istruzioni Inps. Cosa fare

Il sito ufficiale dell’Istituto di previdenza sociale nazionale, così come la pagina Facebook dell’ente, riporta tutta una serie di Faq, elaborate in base alle domande pervenute da parte degli utenti e, in alcuni casi con risposte ben mirate, in base al caso specifico.

In linea di massima, per ciò che riguarda le tempistiche

per le domande presentate a gennaio e febbraio, i pagamenti cominceranno a essere erogati dalla seconda metà di marzo, mentre per le domande presentate dal 1° marzo in poi, il pagamento verrà effettuato alla fine del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

Solo per quanto riguarda la prima mensilità dunque, l’Inps riportava a chiare lettere il limite temporale della “seconda metà di marzo”, nella fattispecie si trattava dell’arco temporale compreso tra il 16 e il 21 del mese.

Da lì in poi, è stato tutto un susseguirsi di ritardi e non esiste più alcuna data ufficiale, riportata nello scadenziario Inps.

In tutto ciò, c’è qualcosa che si può fare, per ingannare l’attesa dell’assegno unico pagamento maggio che, in alcuni casi di precarietà e difficoltà economiche gravose, può diventare davvero molto lunga da sopportare?

In realtà, l’unica cosa da fare è accedere alla propria area personale Inps, tramite credenziali d’identità digitale o Spid, e verificare che non ci siano messaggi di sorta da parte dell’Inps, su eventuali cause ostative al bonifico.

In alternativa, per chi ha urgente bisogno di informazione, si può provare a chiamare direttamente il numero verde, come riportato da queste informazioni. Fonte: Trend Online
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)