Connect with us

Senza categoria

Reddito di Cittadinanza, IL SUSSIDIO SCADRA’ MOLTO PRESTO, POI POTRA’ ESSERE CANCELLATO. Ecco fin quando durerà

Pubblicato

il

reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza continua a far discutere nonostante l’anzianità di 3 anni. Al momento attuale, chi volesse abolire il beneficio, dovrebbe comunque aspettare altri 3 anni.

l’ex premier e leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha annunciato ieri sui suoi profili social che intende organizzare una raccolta firme per abolire il reddito di cittadinanza.

Secondo quanto detto dal leader di partito, la raccolta firme comincerà dal 15 giugno e si propone di essere il primo passo per un cambiamento del mondo lavoro per i più giovani. Non è la prima volta che il reddito di cittadinanza finisce nel mirino dei suoi detrattori. In più occasioni il leader della Lega, Matteo Salvini, e la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, hanno cercato di abolirlo. A loro dire il reddito di cittadinanza non funzionava, come provato dalle molte truffe ai danni dello Stato che lo hanno visto protagonista.

Matteo Renzi ha deciso di ricorrere allo strumento del referendum abrogativo per liberarsi del reddito di cittadinanza. Facendo eco alle lamentele di numerosi imprenditori che accusano il reddito di cittadinanza di rendere pigri i giovani, Renzi intende liberarsene per cambiare il mondo del lavoro dalla base. Tuttavia, la forma scelta potrebbe non portare ai risultati sperati. Questo perché il referendum abrogativo è uno strumento con delle regole precise che vanno rispettate. La prima è che per indirlo è necessario il consenso di 500.000 persone o di 5 consigli regionali, che possono proporre l’abrogazione totale o parziale di una legge o di un atto avente valore di legge. In seguito la Corte Costituzionale si pronuncerà sull’ammissibilità del referendum.

Inoltre la legge definisce le modalità di attuazione del referendum:

  • La raccolta firme si svolge in un periodo di 3 mesi compresi tra il 1 gennaio e il 30 settembre di un determinato anno;
  • I cittadini sono chiamati a votare per il referendum tra il 15 aprile e il 15 giugno dell’anno successivo alla raccolta firme;
  • Un referendum non si può mai svolgere nello stesso anno della raccolta firme;
  • Non è possibile depositare una richiesta di referendum nell’anno anteriore alla scadenza di una delle due Camere e nei 6 mesi successivi alla data di convocazione dei comizi elettorali per l’elezione di una delle 2 Camere medesime.

Proprio quest’ultima voce è sottolinea perché il reddito di cittadinanza, in ogni caso, durerà altri 3 anni. La scadenza naturale della legislatura è fissata al 23 marzo 2023, a 5 anni dal suo inizio. Perciò, per legge, Renzi non potrà organizzare la raccolta firme nel 2022 per richiedere il referendum abrogativo, come non potrà farlo nel 2023. Se anche decidesse di organizzare la raccolta firme l’anno successivo, il referendum sarebbe comunque rimandato al 2025.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)