Connect with us

Guerra Ucraina

Guerra Ucraina, Zelensky: “Vogliono ridurre il Donbass in cenere”

Pubblicato

il

Ucraina

GUERRA UCRAINA. L’offensiva russa in Ucraina è giunta al novantatreesimo giorno. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov dubita delle intenzioni di riformare la Nato e accusa l’Occidente di aver dichiarato “guerra totale al mondo russo”. Il Cremlino afferma poi che i negoziati sono stati sospesi su decisione di Kiev. Nel suo consueto messaggio video, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sostiene invece che la Russia “vuole ridurre il Donbass in cenere” e che “sta commettendo un genocidio”. Secondo l’Onu, da inizio guerra ci sono state 4mila vittime fra i civili.

I negoziati con l’Ucraina sono stati sospesi su decisione di Kiev, il che contrasta con le affermazioni di Zelensky sulla necessità di colloqui al massimo livello. Lo afferma il Cremlino, secondo quanto riporta la Tass.

Kiev: trovati 70 morti sotto le macerie di uno stabilimento a Mariupol

Circa 70 cadaveri sono stati trovati nell’ex stabilimento di Oktyabr, a Mariupol. Lo ha affermato il consigliere del sindaco Petro Andryushchenko. “Le persone sono rimaste tra le macerie dell’edificio dopo il bombardamento. I corpi sono stati chiusi in sacchetti di plastica e portati per la sepoltura in una fossa comune nel villaggio di Stary Krym”.

Zelensky: “Le grandi potenze non flirtino con la Russia”

“Il catastrofico svolgersi degli eventi potrebbe ancora essere fermato se il mondo trattasse la situazione in Ucraina come tale. Se i forti del mondo non flirtassero con la Russia, ma insistessero davvero per porre fine alla guerra”. È il monito del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che in un video ricorda che l’Unione europea “da settimane” non riesce a concordare il sesto pacchetto di sanzioni.

Kiev: “La Russia ha disseminato 500 mine nel Mar Nero”

La Russia ha disseminato nel Mar Nero tra le 400 e le 500 vecchie mine sovietiche, “che vengono strappate dalle ancore quando il mare è agitato e vanno alla deriva, rendendo impossibile l’esportazione di merci dai porti ucrain”i. Lo afferma il portavoce dell’amministrazione militare regionale di Odessa, Sergiy Bratchuk, aggiungendo che Mosca ha “creato una crisi alimentare nel mondo” e sta usando un “alibi informativo” incolpando l’Ucraina della crisi alimentare.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)