Connect with us

New York

Strage scuola in Texas, la polizia: “Un errore non irrompere subito in classe. Sparati almeno 100 colpi”

Pubblicato

il

Texas

TEXAS.Il killer della strage della scuola in Texas ha sparato almeno cento proiettili uccidendo 19 bambini e due maestre. Lo ha riferito Steven McCraw, capo del dipartimento di pubblica sicurezza dello Stato. McCraw ha ammesso che è stato “sbagliato non irrompere in classe”. Sulla questione del ritardo nell’intervento degli agenti nell’edificio, due fonti riferiscono al New York Times che gli uomini della Border Patrol Tactical Unit erano arrivati alla scuola di Uvalde un’ora prima di quando poi sono riusciti a entrare. Erano infatti stati bloccati dalla polizia locale.

“Non irrompere in classe decisione sbagliata”

“Una decisione sbagliata”: così McCraw ha definito la decisione delle forze dell’ordine di non sfondare la porta della classe dove il killer stava sparando agli alunni. Il comandante che ha preso la decisione di non fare irruzione in classe pensava che “non ci fossero bambini a rischio”, ha sottolineato il capo della polizia del Texas. “Ovviamente sbagliava”, ha aggiunto il colonnello McGraw. Alla domanda se pensasse di dovere delle scuse ai genitori delle piccole vittime ha risposto: “Se pensassi che possa aiutarli, chiederei scusa”.

La lobby delle armi: “Eliminare il diritto all’autodifesa non è la risposta”

“Tutti i membri della Nra piangono i morti di un mostro criminale che ha causato un dolore inimmaginabile”. Lo ha detto Wayne LaPierre, a.d. della National Rifle Association (organizzazione che agisce in favore dei detentori di armi da fuoco degli Stati Uniti d’America), aprendo la convention di Houston ricordando la strage di Uvalde.

“Abolire il secondo emendamento non è la risposta, le proposte di Biden sul controllo delle armi limitano il diritto umano fondamentale degli americani di autodifendersi”, ha aggiunto LaPierre. “Eliminare il diritto all’autodifesa non è la risposta”, ha ribadito. “Il governo federale non può legiferare contro il male”, ha attaccato.

Trump: “Nra spina dorsale della società Usa”

“Sono onorato di essere qui con i grandi patrioti del Nra”. Così Donald Trump alla convention della lobby delle armi. L’ex presidente è stato accolto da urla entusiaste e un lungo applauso. “Al contrario di qualcun altro non vi ho deluso e sono qui”, ha detto riferendosi al governatore del Texas, Greg Abbott, che ha inviato un videomessaggio. “Siete la spina dorsale della nostra società”, ha aggiunto Trump ricordando “l’orribile massacro di Uvalde”. L’ex presidente ha letto tutti i nomi delle vittime e poi ha aggiunto: “Inviamo miliardi in Ucraina ma non mettiamo in sicurezza le scuole”.

Il governatore del Texas: “Sono furioso”

Abbott, intanto, ha detto di essere stato “fuorviato” quando ha ricevuto le prime informazioni su quanto accaduto nella scuola elementare teatro della strage e di essere “assolutamente furioso”. Il governatore repubblicano del Texas ha chiesto che gli investigatori facciano piena luce sull’operato della polizia, dopo che sono emersi ritardi e decisioni “sbagliate” nell’intervento per fermare il killer.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)