Connect with us

Senza categoria

BONUS 200 EURO, SCATTANO I PAGAMENTI. DATE E DESTINATARI, ecco quando arrivano i soldi

Pubblicato

il

bonus

Bonus 200 euro, quando arriva il pagamento? Per alcuni destinatari, come ad esempio pensionati e lavoratori dipendenti, il testo del DL Aiuti stabilisce tempi certi.

Le somme arriveranno in busta paga e con la pensione di luglio. Con molta probabilità in altri casi l’attesa sarà più lunga: l’assegno contro il caro prezzi per autonomi e professionisti, ad esempio, ha ancora contorni molto sfumati.

Una panoramica sulla tabella di marcia definita dal testo del decreto legge numero 50 del 17 maggio 2022.

Bonus 200 euro, quando arriva il pagamento? In busta paga o con la pensione arriva a luglio

Con gli articoli 31, 32 e 33, il Decreto Aiuti ha introdotto una misura di sostegno una tantum, ovvero riconosciuta una volta sola, per contrastare il caro prezzi.

Il beneficio è destinato a una lunga lista di beneficiari: dai lavoratori dipendenti ai pensionati, passando per i percettori del reddito di cittadinanza, per colf, badanti e titolari di rapporti di collaborazione, solo per fare degli esempi.

Dalla lettura del provvedimento emergenziale, è possibile avere un quadro su quando arriva il pagamento del bonus 200 euro categoria per categoria.

Partiamo dalle certezze. A luglio una prima parte della platea di destinatari del beneficio riceverà le somme a cui ha diritto.

Beneficiari bonus 200 euro Modalità di pagamento
Lavoratori dipendenti Automaticamente nella busta paga di luglio
Pensionati Automaticamente con la pensione di luglio (insieme alla quattordicesima per chi ne ha diritto)
Colf e badanti Erogazione su domanda a luglio
Nuclei familiari beneficiari del reddito di cittadinanza Integrazione automatica della mensilità di luglio

Bonus 200 euro, quando arriva il pagamento? La tabella di marcia indicata dal Decreto Aiuti

Più lunga sarà l’attesa del pagamento per le altre categorie, anche nel caso in cui non sia necessario presentare domanda.

Il testo del DL Aiuti, infatti, specifica che il bonus 200 euro per alcune tipologie di beneficiari sarà erogato solo successivamente all’invio delle denunce dei datori di lavoro relative al mese di luglio 2022 con cui si compensa l’erogazione dell’indennità ai lavoratori dipendenti. Si tratta di un passaggio utile a verificare che il beneficio non sia erogato più volte.

La regola si applica a un’ampia fetta di destinatari.

Beneficiari del bonus 200 euro Modalità di pagamento
Coloro che nel mese di giugno 2022 hanno ricevuto le indennità di disoccupazione NAPSI o DisColl Erogazione automatica dall’INPS
Coloro che nel corso del 2022 percepiscono l’indennità di disoccupazione agricola Erogazione automatica dall’INPS
Titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa Su domanda dall’INPS
Lavoratori dello spettacolo beneficiari del bonus 2.400 euro del primo DL Sostegni Erogazione automatica dall’INPS
lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti di cui agli articoli da 13 a 18 del decreto legislativo 15 giugno 2015 Su domanda dall’INPS
Lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo Su domanda dall’INPS
Lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie che, nel 2021 siano stati titolari di contratti autonomi occasionali Su domanda dall’INPS
Incaricati alle vendite a domicilio Su domanda dall’INPS

Un discorso ancora a parte, anche sui tempi di attesa, va fatto per le lavoratrici e i lavoratori automi e per le professioniste e i professionisti: il Decreto Aiuti ha previsto una indennità anche per queste categorie, ma non ha stabilito né gli importi a cui hanno diritto né nessun altro dettaglio sulla misura di sostegno contro il caro prezzi.

Inevitabilmente la necessità di definire criteri e modalità per l’accesso al bonus con un decreto attuativo che dovrà arrivare entro la scadenza del 17 giugno avrà un impatto anche sui tempi e, guardando alle esperienze passate, appare improbabile che il pagamento possa arrivare a luglio 2022. Tutto, in ogni caso, dipenderà dall’avvio della macchina organizzativa. Fonte: Informazione Fiscale
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)