Connect with us

Guerra Ucraina

Guerra Ucraina, l’Ue approva il sesto pacchetto di sanzioni: escluso Kirill

Pubblicato

il

Ucraina

GUERRA UCRAINA. Le nuove misure anti-russe dell’Unione Europea includono l’embargo graduale al petrolio in arrivo via mare in Europa con deroghe per il greggio trasportato via oleodotti. il patriarca è stato tolto invece dalla lista nera. Intanto gli Usa hanno annunciato ulteriori interventi contro Mosca che colpiscono dirigenti governativi, oligarchi e società legate a Vladimir Putin e a settori chiave dell’economia del Paese

Secondo quanto si apprende da fonti europee

Il patriarca Kirill è stato tolto dalla lista nera dal sesto pacchetto delle sanzioni Ue. Si tratta dell’arcivescovo ortodosso russo, sedicesimo Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, capo della Chiesa ortodossa russa. Resta l’esclusione dal sistema Swift di ulteriori istituti finanziari russi, a cominciare dal colosso bancario Sberbank. L’approvazione formale del sesto pacchetto, si apprende ancora, avverrà mediante procedura scritta. La deadline è fissata per il 3 giugno alle 9

“Grazie alla Presidenza francese del semestre Ue è stato concordato oggi un altro forte pacchetto di sanzioni contro Putin e il Cremlino. Di fatto, il 90% delle importazioni russe di petrolio all’Ue sarà bandito entro la fine del 2022. Ciò ridurrà la capacità della Russia di finanziare la sua guerra”, ha scritto in un tweet la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen

Secondo Reshetnikov la disoccupazione è solo del 4% “ma questa situazione non deve ingannare”, una “crisi prolungata della domanda” potrebbe “portare a una riduzione dell’occupazione”, ha detto alla Bbc. “Vediamo che ci sono dei rischi”, ha aggiunto.
La portavoce della Commissione Ue, Dana Spinant ha spiegato che le sanzioni europee prevedono delle deroghe in caso di crisi umanitarie o alimentari. “Nelle sanzioni, in questo caso, sono esclusi i prodotti alimentari”, ha detto rispondendo a una domanda sulle preoccupazioni espresse dall’Unione Africana nel corso dell’ultimo vertice europeo sul rischio di una crisi alimentare animata dagli effetti delle sanzioni anti-russe.
In mattinata, prima che arrivasse la notizia delle decisioni prese dalla riunione degli ambasciatori Ue, dal ministero degli Esteri di Mosca avevano fatto sapere, come riporta l’agenzia Tass, che la Russia resisterà alle sanzioni imposte dall’Unione europea e rimarrà unpartner commerciale internazionale “affidabile”.
“La Russia resisterà alle conseguenze delle misure restrittive unilaterali dell’Ue e rimarrà un partner commerciale internazionale affidabile”, sono le parole contenute in un comunicato del ministero.
La riunione degli ambasciatori dei 27 Paesi membri (Coreper) è stata convocata dalla presidenza francese del semestre europeo per mezzogiorno del 2 giugno e si è tenuta eccezionalmente a Lussemburgo. Sul tavolo, appunto, il sesto pacchetto di sanzioni europee.
L’obiettivo della riunione era riuscire a trovare un compromesso con l’Ungheria sul dossier dell’embargo al petrolio, dopo il nuovo veto posto il 1° giugno da Budapest, contraria anche all’inserimento del patriarca Kirill nella black list.
La posizione del premier ungherese Viktor Orban riguardo al patriarca Kirill è stata tenuta in considerazione e, al termine della riunione degli ambasciatori Ue, è arrivata la conferma che l’arcivescovo ortodosso è fuori dalla black list.
Nella lista del dipartimento di Stato Usa per le nuove sanzioni contro l’invasione russa dell’Ucraina, invece, figurano la portavoce del ministero degli esteri russo Maria Zakharova, l’oligarca Alexiei Mordashov con i suoi famigliari e le sue società, una delle quali leader nella produzione di acciaio. Colpito anche l’oligarca immobiliarista God Nisanov, legato strettamente ai dirigenti russi.
Nella lista del tesoro Usa figurano poi Serghie Roldugin (con i suoi famigliari), considerato uno stretto alleato di Vladimir Putin e il ‘money-manager‘ delle ricchezze offshore dello ‘zar’, gli yacht e i brooker del settore allineati al Cremlino, compresa la Imperial Yachts e i suoi ceo “che forniscono servizi per l’inner circle di Putin”, ministri che sovrintendono settori chiave dell’economia russa e il presidente di United Aircraft Corporation, società statale che gioca un ruolo guida nel sostenere l’industria della difesa russa. (Skytg24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)