Connect with us

cronaca

Elena, uccisa a 5 anni dalla mamma. Il dolore di papà Nicodemo e del nonno: “Deve pagare”

Pubblicato

il

Elena

CATANIA. Il padre di Elena, il 24enne Alessandro Nicodemo Del Pozzo, si è subito recato sul luogo dove è stato ritrovato il corpo senza vita della bimba. Disperato è stato consolato dai parenti. L’uomo era stato arrestato per rapina nel 2020, ma poi assolto.

Lui e la madre di Elena, Martina Patti, non stavano più insieme da tempo

Nel luogo dove è stato ritrovato il corpo della bambina, in via Turati, a Mascalucia, infatti, Alessandro Nicodemo si è recato in compagnia della sua nuova compagna.

“Avevamo creduto alla storia degli uomini incappucciati: non avevamo ragione di non credere”. Lo dice Rosaria Testa, nonna paterna di Elena Del Pozzo, nel luogo del ritrovamento del corpo della nipotina di 5 anni a Tremestieri etneo (Catania).

Il cadavere della piccola Elena

E’ stato individuato su indicazione della madre, che in un primo momento aveva raccontato di un rapimento della piccola. “Mi sembra tutto così strano, assurdo”, racconta il nonno paterno, Giovanni Del Pozzo. “La madre di Elena – aggiunge – era una ragazza molto chiusa, ma non riesco a spiegarmi il motivo di quello che è accaduto. Chi è stato deve pagare, anche chi l’ha eventualmente aiutata”.

La nonna paterna: “Un giorno la mamma stava picchiando la piccola”

“Quando hanno litigato non voleva andare via da casa – ricorda la nonna distrutta dal dolore – un giorno la mamma le stava dando botte e gliela abbiamo dovuta togliere dalle mani. Quella mattina l’ho accompagnata a scuola e le ho detto ‘nessuno ti vuole bene più di me’. Lei mi ha guardata e mi ha fatto capire che aveva capito quello che avevo detto. La madre aveva un atteggiamento autoritario e aristocratico. Decideva lei quando portarci la bambina”.

“Mio figlio ha avuto una storia legata a degli spinelli tanti anni fa, è stato preso per errore. E’ stato in carcere per circa sette mesi, poi è stato ai domiciliari”, prosegue la nonna di Elena, raccontando della chiamata di lunedì tra lei e la madre della bambina, Martina Patti.

La nonna ha sottolineato, parlando della donna che “sapeva di questo precedente, ne ha approfittato. Mio figlio però – aggiunge – ha detto chiaramente che, in seguito a quei fatti, è andato prima in Germania e poi è tornato in Sicilia. Ha detto di non aver né visto né sentito nessuno rispetto a coloro con i quali era coinvolto nella vicenda di droga”.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)