Connect with us

cronaca

Elena, la mamma al gip: “L’ho uccisa nel campo da sola”. I sospetti su un complice e quella telefonata di due ore prima del delitto. Oggi l’autopsia

Pubblicato

il

Elena del Pozzo

ELENA. Martina Patti, la 23enne accusata dell’omicidio della figlia Elena, di 5 anni, ha risposto alle domande del gip Daniela Monaco Crea nell’interrogatorio di garanzia per la convalida del fermo. L’indagata avrebbe sostanzialmente confermato gran parte di quanto detto nelle dichiarazioni rese a carabinieri e procura, ribadendo di avere ucciso, da sola, la figlia nel luogo in cui il corpo è stato ritrovato. E’ accusata di omicidio premeditato pluriaggravato e occultamento di cadavere.

“Per evitare strumentalizzazioni posso riferire unicamente che si è svolto l’interrogatorio e il giudice si è riservato sull’ordinanza di convalida – ha affermato l’avvocato Gabriele Celesti, uscendo dal carcere di Catania -.

La mia assistita ha riposto alle domande. Non posso aggiungere dettagli di nessun tipo. I punti oscuri saranno oggetto di approfondimento investigativo anche alla luce delle dichiarazioni che sono state fatte “. La donna è sorvegliata a vista nella sezione femminile della casa circondariale di piazza Lanza a Catania: è stata più volte chiamata in infermeria per il supporto psicologico, ma è descritta come serena e tranquilla.

Le telefonate dopo l’omicidio

Tra i punti ancora da chiarire ci sono le due ore di buco nero del giorno del delitto, in cui si collocano l’omicidio, l’occultamento del cadavere e le numerose richieste di aiuto ai parenti. Secondo quanto riporta il Messaggero, dai tabulati del telefono della giovane emergono numerose chiamate tra le 14 e le 15, dopo l’uccisione della piccola Elena, ma prima della denuncia ai carabinieri. Il sospetto è che ci sia qualche complice tra le persone contattate da Martina, qualcuno che potrebbe averla aiutata a sbarazzarsi del cadavere della figlia.

Spunta una telecamera di sorveglianza

Per far luce su questi aspetti, gli inquirenti stanno setacciando le immagini registrate da una telecamera di sorveglianza puntata sulla zona della casa della donna. Il video potrebbe permettere di accertare se qualcuno ha raggiunto Martina e per quanto tempo si è fermato. Sulle registrazioni, tuttavia, al momento vige il massimo riserbo. Nuovi dettagli potrebbero arrivare anche dai risultati dell’autopsia che sarà eseguita oggi sul corpo della bambina nell’obitorio dell’ospedale Cannizzaro di Catania. La procura e l’avvocato Gabriele Celesti, che difende la donna, hanno nominato i propri consulenti di parte.(Tgcom24)

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)