Connect with us

Senza categoria

ARRETRATI Assegno Unico, INPS BLOCCA TUTTO UN’ALTRA VOLTA: chi perderà il sussidio. Tutte le ultimissime

Pubblicato

il

Assegno Unico

ASSEGNO UNICO. A partire dal secondo trimestre dell’anno in corso 7 milioni di nuclei familiari hanno potuto usufruire dell’Assegno unico. La prestazione ha sostituito alcuni degli interventi a favore  della famiglia (bonus bebè, bonus mamma, assegno nucleo familiare per i figli, detrazioni e assegno comunale per le famiglie numerose) razionalizzandoli e raccogliendoli in un’unica misura. Solo il bonus nido è rimasto attivo anche per il 2022. La richiesta per l’Assegno è tuttora presentabile direttamente sul sito dell’INPS.

A richiedere il sostegno sono state famiglie con figli minorenni, o con figli fino a 21 anni  a carico (purchè frequentanti un corso di formazione scolastica o professionale, un corso di laurea; impegnati in un tirocinio lavorativo formativo; registrati come disoccupati presso i servizi pubblici per l’impiego; occupati nel servizio civile universale) o se disabili senza limiti di età. L’importo della prestazione è variato a seconda dell’ISEE, tra i 50 e 175 euro mensili, ma anche chi non ha presentato l’ISEE ha avuto comunque diritto al contributo minimo.

Chi rischia di non ottenere gli arretrati dell’Assegno unico?

È ancora possibile chiedere gli arretati previsti dalla normativa. Infatti chi provvederà a farlo entro la fine del mese di giugno, potrà ottenere gli arretrati accumulati a partire dal mese di marzo. Infatti come riporta il sito dell’INPS “per le domande presentate dal 1° gennaio al 30 giugno 2022, l’Assegno unico e universale spetta con tutti gli arretrati a partire dal mese di marzo 2022“.

Invece dall’inizio del mese di luglio l’Assegno decorrerà dal mese successivo a quello di presentazione. Si perderà quindi il diritto agli arretrati. Tutta la procedura per la richiesta della prestazione è eseguibile direttamente sul sito dell’INPS (mediante credenziali SPID, Carta di Identità Elettronica o Carta Nazionale dei Servizi), nelle sedi territoriali dell’Istituto o attraverso il Contact center INPS.

È opportuno ricordare che i nuclei familiari percettori del Reddito di Cittadinanza non devono presentare domanda perchè l’Assegno è erogato direttamente dall’INPS. Si deve quindi ricordare la scadenza del 30 giugno per poter presentare domanda del servizio e ottenere in tal modo gli arretrati spettanti.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)