Connect with us

cronaca

“Tieni bevi, è fresco”. Gli offrono del tè ma era metadone, bimbo di soli 9 anni crolla sotto gli occhi dei genitori. Soccorsi sul posto

Pubblicato

il

palermo

Palermo, gli offrono del tè freddo ma era metadone, bimbo di 9 anni in gravi condizioni: “E’ in coma”

Gravissimo episodio nel Palermitano dove un bambino di 9 anni è finito in coma dove aver ingerito senza volerlo del metadone che qualcuno gli avrebbe offerto spacciandolo per del tè freddo. L’episodio risale alla serata di mercoledì quando da Monreale, dove vive, il piccolo è stato portato d’urgenza presso il pronto soccorso dell’ospedale Di Cristina di Palermo dove è arrivato in condizioni gravissime.

Il ragazzino poco dopo è entrato in coma ma fortunatamente nelle ultime ore si è risvegliato e, come comunica il bollettino medico dell’ospedale pediatrico, non sarebbe più in pericolo di vita anche se le sue condizioni rimangono gravi a causa di danni a un polmone e al cuore. Il piccolo, che vive insieme ai genitori a Pioppo, una frazione di Monreale, dunque rimane ora ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale pediatrico e la prognosi resta riservata.

Sul caso stanno indagano i carabinieri che hanno informato la Procura. Al momento il fascicolo per lesioni è a carico di ignoti ma si sta cercando di appurare dove il bimbo abbia assunto il metadone. Secondo la ricostruzione dei genitori, che si dicono estranei ai fatti, il ragazzino stava giocando fuori casa quando un gruppo composto da altri ragazzi più grandi gli avrebbe offerto la bevanda spacciandola per tè.

Poco dopo averne bevuto qualche sorso, il piccolo avrebbe iniziato ad accusare i primi malori e quindi sarebbe tornato a casa dove avrebbe raccontato ai genitori quanto accaduto, prima di essere preda di forti convulsioni. A questo punto la chiamata al 118 e la corsa in ospedale in ambulanza. Gli esami hanno riscontrato la presenza di metadone e sono state informate le forze dell’ordine.

In città è caccia al presunto gruppo di giovani che erano forse sotto l’effetto della stessa sostanza. “Sono notizie che nessuno dovrebbe mai apprendere, non posso che augurare, da parte mia e di tutta l’amministrazione comunale una pronta guarigione al piccolo G. con la speranza che si rimetta presto” ha dichiarato il sindaco Alberto Arcidiacono.

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)