Connect with us

Senza categoria

Arretrati Assegno Unico, ANCORA POCHI GIORNI PER RIMEDIARE OPPURE PERDI TUTTO! Ecco la DATA UFFICIALE e come fare

Pubblicato

il

assegno unico

Restano ancora pochissimi giorni per richiedere l’Assegno Unico Inps e completare la procedura per ricevere gli arretrati

A breve terminerà la possibilità di ricevere gli arretrati relativi all’Assegno Unico, il bonus destinato a quei nuclei familiari con figli a carico. Ci sarà tempo fino al 30 giugno per ricevere il sostegno economico e gli arretrati delle mensilità a partire dal mese di marzo.

Dopo questa data, infatti, l’assegno si riferirà al mese subito successivo a quello in ci la domanda è stata presentata. Decadrà, dunque, il diritto a ricevere gli assegni arretrati relativi ai mesi scorsi. Dunque, ecco cosa è necessario fare per non perdere gli arretrati che ti spettano.

Assegno Unico, ecco come non perdere gli arretrati

Nel caso la domanda sia correttamente inviata nel mese di luglio, quindi, le cifre relative all’Assegno Unico saranno erogate durante il mese di agosto. Dopo il 30 giugno, infatti, l’assegno sarà erogato dal mese successivo a quello in cui è stata presentata la domanda, escludendo il diritto agli assegni arretrati.

Per avere le idee più chiare, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale ha reso disponibile, sul proprio sito ufficiale, un simulatore. Questo permette di calcolare in maniera automatica (e senza dove necessariamente fare il login con i propri dati) l’importo spettante a partire dal mese di marzo 2022, che dipenderà dall’Isee del nucleo familiare.

Chi, invece, non presenterà alcun Isee, e ne avrà diritto, riceverà comunque l’Assegno Unico, ma pari all’importo minore dovuto, il quale ammonta a 50€ al mese per ogni figlio. Se, invece, si vuole fare domanda utile alla ricezione dell’Assegno Unico, permettendo il calcolo, è necessario inviare la domanda mediante il sito www.inps.it oppure avvalersi del Contact Center dell’Istituto o ad un Patronato.

Non sono mancate le polemiche che hanno interessato le categorie coinvolte dalla ricezione dell’Assegno Unico “. La Cgil, in attesa dell’incontro richiesto con la ministra per le Pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti – dice il sindacato in una nota – ribadisce la necessità di adottare i provvedimenti necessari perché nessuna famiglia, italiano o straniera, sia penalizzata dall’introduzione dell’Assegno Unico”.

La polemica è emersa per via del fatto che, secondo il sindacato, alcune categorie di nuclei familiari sarebbero fortemente penalizzati, come quelli che sono composti da lavoratori stranieri. Fonte: Missione Risparmio
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)