Connect with us

attualità

G7, al via il vertice: focus su Ucraina, energia e crisi alimentare

Pubblicato

il

g7

Vertice del G7 al via al Castello di Elmau, in Germania, con la cerimonia di benvenuto del cancelliere Olaf Scholz. Diversi i temi sul tavolo: il tetto europeo al prezzo del gas, la crisi alimentare e l’impatto economico della guerra in Ucraina, con un faro su energia e inflazione. I leader discutono anche della possibilità di costituire un Club per il Clima. “L’Ucraina ha bisogno di più armi e aiuti finanziari e l’Europa la sosterrà”, afferma il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel. Boris Johnson mette in guardia Macron: “No a una soluzione negoziata in questo momento, è possibile invertire il corso della guerra”.

Sanzioni alla Russia e crisi del grano

L’Occidente “punta molto sul coordinamento delle sanzioni e sull’implementazione che deve essere il prossimo step”, sottolinea Michel. Le sanzioni “devono impattare sulle facoltà della Russia che sta conducendo una guerra, ma dobbiamo tenere in considerazione anche i nostri interessi economici”. Per quanto riguarda la crisi del grano, il presidente del Consiglio europeo auspica “un’intesa al più presto per permettere alle derrate ucraine di lasciare i porti del Mar Nero. Nel frattempo dobbiamo cercare anche delle alternative attraverso Romania e Polonia”.

Johnson a Macron: “No a una soluzione negoziata”

Durante un incontro bilaterale, il premier britannico mette in guardia il presidente francese da “ogni tentativo” di una soluzione negoziata “in questo momento” con la Russia per la pace in Ucraina, con il rischio di prolungare “l’instabilità mondiale”. I due leader vedono la possibilità di “invertire il corso” della guerra.

Biden: “Dobbiamo restare uniti nella Nato e nel G7”

“Noi dobbiamo restare insieme, nel G7 e nella Nato”, sottolinea Joe Biden. Putin “spera che qualcuno nel G7 e nella Nato si divida, ma non è affatto accaduto e non accadrà”. Il numero uno della Casa Bianca ha poi ringraziato Olaf Scholz per aver “trainato l’Europa spingendola a muoversi sull’Ucraina”.

“Scholz: “Siamo uniti, è il nostro messaggio a Putin”

Alle parole del presidente americano fanno eco quelle del cancelliere tedesco. “Noi siamo uniti e questo è il nostro chiaro messaggio a Putin”.

Ucraina: “Il G7 risponda alla Russia con sanzioni più aggressive” – Il governo ucraino ha chiesto al G7 di rispondere agli attacchi missilistici russi su Kiev con sanzioni più aggressive. “Apprezziamo l’embargo sulle esportazioni di oro russo, ma nel nuovo pacchetto di sanzioni dovrebbe essere incluso l’embargo sul gas”, ha affermato Andriy Yermak, capo dell’ufficio del presidente Zelenksy.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)