Connect with us

Senza categoria

BONUS 200 euro su Reddito di cittadinanza PAGAMENTI IN LAVORAZIONE MA NON PER TUTTI! Ecco chi non riceverà NULLA

Pubblicato

il

reddito di cittadinanza

A chi non spetta il bonus 200 euro? Chi rischia di dover restituire l’indennità una tantum? La prestazione viene erogata in automatico in base ai dati dichiarati dal richiedente o presenti nelle banche dati dell’Istituto, ma ciò non vuol dire che una volta ricevuto non lo si debba restituire.

Dopo il riconoscimento provvisorio, infatti, l’INPS effettuerà tutte le verifiche necessarie sui requisiti autocertificati e dichiarati dal richiedente e qualora riscontrasse difformità, procederà con il recupero.

In questa guida vi spieghiamo a chi non spetta il bonus 200 euro, chi dovrà restituirlo e come l’INPS provvederà al recupero dell’indennità una tantum.

A CHI NON SPETTA IL BONUS 200 EURO

Nella Circolare n° 73 del 24-06-2022 l’INPS ha fornito i dettagli relativi ai beneficiari e alle condizioni per poter usufruire dell’indennità una tantum. Facendo un riepilogo schematico dei requisiti, infatti, ribadiamo che il bonus 200 non spetta:

  • ai lavoratori dipendenti, che non abbiano beneficiato per almeno una mensilità da gennaio 2022 al 23 giugno 2022 dell’esonero contributivo IVS pari allo 0,8% “sulla quota dei contributi previdenziali per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore”.

  • ai pensionati con un reddito personale 2021 assoggettabile a IRPEF (al netto dei contributi previdenziali e assistenziali) superiore a 35.000 euro.


  • ai disoccupati, che non abbiano percepito nel mese di giugno 2022 le prestazioni di NASpI, DIS-COLL e disoccupazione agricola.

  • ai lavoratori domestici, che non abbiano in essere uno o più rapporti di lavoro alla data del 18 maggio 2022 (data di entrata in vigore del Decreto Aiuti).

  • ai titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.), ma che non abbiano collaborazioni attive al 18 maggio 2022, non siano siano iscritti alla Gestione separata o ad altre forme previdenziali obbligatorie e abbiano percepito un reddito nel 2021 superiore a 35.000 euro nel 2021;

  • ai lavoratori intermittenti che non abbiano svolto prestazioni per almeno 50 giornate o con un reddito nel 2021 superiore a 35.000 euro;

  • ai lavoratori dello spettacolo non siano iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo o che non abbiano versato almeno 50 contributi giornalieri o con un reddito superiore a 35.000 euro per il 2021;

  • ai lavoratori autonomi, privi di partita IVA per cui per il 2021 non risulti l’accredito di almeno un contributo mensile o che non siano già iscritti alla Gestione Separata il 18 maggio 2022;

  • ai lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali, dello spettacolo e dello sport, che non sono stati beneficiari dell’indennità per l’emergenza Covid del Decreto Sostegni bis (Bonus 2400 euro INPS);

  • agli incaricati alle vendite a domicilio che abbiano un reddito nell’anno 2021 derivante dalle attività di vendita a domicilio inferiore a 5.000 euro o che al 18 maggio siano senza partita IVA attiva o o non iscritti alla Gestione separata;

  • ai percettori di reddito di cittadinanza facenti parte di un nucleo familiare in cui sia presente un componente che abbia diritto al bonus ad altro titolo (per esempio perché titolare di assegno di invalidità).

Si ricorda che il bonus non è riconosciuto a tirocinanti e stagisti, né ai disoccupati che non hanno maturato i requisiti per ricevere la NASpI, DIS-COLL o la disoccupazione agricola. Esclusi anche i lavoratori con contratti di lavoro in scadenza a fine giugno 2022, ai quali a causa dei tempi tecnici, non verrà riconosciuta l’indennità di disoccupazione in questo mese. Si ricorda, infatti, che il prerequisito per accedere all’indennità una tantum è essere beneficiari dell’indennità di disoccupazione a giugno 2022.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)