Connect with us

mondo

Maltempo Australia, piogge e inondazioni a Sydney: straripa una diga, residenti sfollati

Pubblicato

il

Australia

AUSTRALIA. Un’ondata di maltempo si sta abbattendo sulla città australiana di Sydney. A causa delle piogge torrenziali, la diga di Warragamba ha iniziato a straripare ben prima delle previsioni delle autorità. A Camden, un sobborgo della città, i servizi di emergenza hanno salvato dalle inondazioni 29 persone e sono stati chiamati 1.400 volte nell’arco di una sola giornata. Migliaia di abitanti di Sydney hanno ricevuto l’ordine di lasciare le loro case per l’emergenza maltempo.

Australia – “Situazione pericolosa per la vita”

A marzo, le inondazioni causate da forti temporali hanno devastato la parte occidentale della città, uccidendo 20 persone. “Ora stiamo affrontando pericoli su più fronti: inondazioni improvvise, straripamenti ed erosione costiera”, ha detto il ministro dei servizi di emergenza del New South Wales Steph Cooke. “Questa è una situazione di emergenza pericolosa per la vita”, ha aggiunto.(Tgcom24)

Australia – Usa, la Corte Suprema affossa le politiche ambientali di Biden

USA. La Corte Suprema americana ha stabilito che l’Environmental Protection Agency, l’agenzia per la tutela dell’ambiente, non ha l’autorità per limitare le emissioni delle centrali elettriche. Di fatto, la sentenza toglie al presidente Biden la possibilità di seguire la sua agenda per affrontare l’emergenza climatica.

Usa-Il regolamento per ridurre le emissioni

Per capire la portata della decisione della Corte Suprema bisogna fare un passo indietro. La sentenza si riferisce al Clean Power Plan, un regolamento federale messo a punto dall’ex presidente Obama per ridurre le emissioni delle centrali elettriche. Obama si era rivolto al Ministero dell’Ambiente americano, l’Environmental Protection Agency, per ridurre le emissioni di CO2 nel settore elettrico del 32%. L’obiettivo di Biden era dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030 passando dalle centrali a carbone alle fonti rinnovabili per la produzione di energia.

Usa-La causa legale degli stati repubblicani

Dopo l’annuncio della legge gli stati repubblicani, tra cui la West Virginia, grande produttrice di carbone, hanno fatto causa. E la Corte Suprema gli ha dato ragione. La sentenza di giovedì ha stabilito infatti che il governo non può fare riferimento agli organi come l’Environmental Protection Agency per questo tipo di misure. La decisione della Corte arriva poco tempo dopo la sentenza che ha eliminato il diritto all’aborto a livello federale.

Usa-Duro colpo per Biden

La sentenza rappresenta una seria battuta d’arresto per il presidente Biden, che ha iniziato il suo mandato presentando una delle agende climatiche più ambiziose nella storia degli Stati Uniti. In una dichiarazione ripresa dal New York Times, Biden ha definito la sentenza “un’altra decisione devastante che mira a far tornare indietro il nostro Paese”. Aggiungendo che la maggioranza conservatrice della Corte Suprema si è schierata “con interessi particolari che hanno condotto una campagna a lungo termine per togliere il nostro diritto a respirare aria pulita”.

Le conseguenze della sentenza

Gli Stati Uniti sono il paese che storicamente ha prodotto più gas serra a livello mondiale. La sentenza potrebbe avere delle ripercussioni a livello mondiale. Secondo la comunità scientifica gli Stati Uniti devono raggiungere l’obiettivo di dimezzare le loro emissioni entro il 2030 per limitare il riscaldamento globale medio a 1,5 gradi Celsius, o 2,7 gradi Fahrenheit, rispetto alle temperature prima della rivoluzione industriale. Oltre questa soglia, infatti, aumenta significativamente la probabilità di impatti catastrofici come ondate di calore mortali, siccità, incendi e tempeste.(Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)