Connect with us

cronaca

Crolla seracco sulla Marmolada, almeno 6 vittime e 16 dispersi: “E’ una carneficina”. Riprese le ricerche: aperta inchiesta

Pubblicato

il

Marmolada

MARMOLADA. Un enorme seracco di ghiaccio si è distaccato nei pressi di Punta Rocca. Il bilancio provvisorio è di 6 morti e 9 feriti. Ci sarebbero SEDICI dispersi. La Procura di Trento ha aperto un fascicolo: il reato ipotizzato è disastro colposo, al momento a carico di ignoti. Gli inquirenti: è “un disastro inimmaginabile, una carneficina, i corpi sono stati smembrati” dalla colata di ghiaccio e sassi. Attivato numero 0461/495272 per segnalare il mancato rientro di amici e familiari.

È di almeno 6 morti e 9 feriti, di cui due gravi, il bilancio provvisorio del crollo di un enorme seracco sulla Marmolada. Ci sarebbero una quindicina di dispersi. La Procura di Trento ha aperto un fascicolo: disastro colposo è il reato ipotizzato, al momento a carico di ignoti. È “un disastro inimmaginabile, una carneficina tale che solo difficilmente ci permetterà di identificare con esattezza l’identità delle vittime perché i corpi sono stati smembrati” dalla colata di ghiaccio e sassi, hanno detto gli inquirenti all’Ansa

Un’immagine della webcam ARPAV sulla Marmolada che testimonia il prima e il dopo il crollo del seracco. Il bilancio potrebbe aggravarsi ancora: il Soccorso Alpino, che ha evacuato 18 persone e chiuso il ghiacciaio per il rischio di altri crolli, sta cercando di capire con esattezza quanti manchino ancora all’appello. I primi testimoni hanno parlato di 4 cordate lungo la parete e, secondo quanto ricostruito finora dagli inquirenti, la valanga potrebbe averne travolte due, ognuna composta da sei alpinisti. Tra le vittime ci sarebbero anche le guide alpine

Crollo Marmolada – Le testimonianze

“Abbiamo sentito un rumore forte, tipico di una frana, poi abbiamo visto scendere a forte velocità a valle una specie di valanga composta da neve e ghiaccio e da lì ho capito che qualcosa di grave era successo”, ha riferito uno dei responsabili del rifugio Castiglioni Marmolada, testimone del crollo

Non ho mai visto su queste cime una cosa del genere. Non è stata la solita valanga: è la natura. Se volessimo fare un paragone con l’edilizia potremmo parlare di un cedimento strutturale”, racconta un soccorritore, che attribuisce al gran caldo di questi giorni la probabile causa dell’incidente. Nella zona, registrata la temperatura record di 10,3 gradi, con la minima che la scorsa notte è rimasta sempre sopra i 5 gradi. Lo zero termico è oltre i 4mila metri

Marmolada – Il distacco

E’ avvenuto intorno all’ora di pranzo nei pressi di Punta Rocca, lungo l’itinerario di salita della via normale. A venire giù è stata proprio una parte della cima della Marmolada, un ghiacciaio che ha centinaia di anni: il crollo si è verificato attorno ai 3mila metri, 300 metri sotto la vetta, mentre le ricerche si sono concentrate a una quota più bassa, tra i 2.500 e i 2.800 metri.

In pochi secondi dalla montagna sono caduti giganteschi blocchi di ghiaccio e di roccia che hanno travolto chiunque fosse lungo il percorso. I feriti si sono salvati solo perché erano lontani dall’area del crollo, investiti dallo spostamento d’aria e da piccoli detriti. Attivate tutte le stazioni del soccorso alpino della zona, almeno cinque elicotteri e le unità cinofile, che hanno operato fino a quando anche i soccorritori sono stati evacuati per l’elevato pericolo di ulteriori distacchi.

Un pezzo della calotta sommitale di Punta Rocca è rimasto in bilico, centinaia e centinaia di metri cubi di ghiaccio che potrebbero venire giù da un momento all’altro. Per questo motivo i comuni di Canazei (Trento) e di Rocca Pietore (Belluno) hanno vietato, con delle ordinanze, l’accesso e la percorrenza dell’area interessata dalla valanga fino a quando non sarà accertata la natura del distacco con gli opportuni rilievi glaciologici e geologici

I feriti

Trasportati negli ospedali di Belluno, di Treviso e di Trento, mentre le salme delle vittime portate allo stadio del ghiaccio di Canazei, paese della Val di Fassa che si trova a pochi chilometri dal passo Fedaia, dove parte la funivia per salire in vetta. Attivato anche un team di psicologi per assistere i parenti delle vittime, non ancora identificate. Per farlo è probabile che sarà necessario l’esame del dna.

I soccorsi

Le difficili operazioni di soccorso e ricerca dei dispersi sospese ieri sera e riprese questa mattina. Solo un equipaggio dei vigili del fuoco permanenti di Trento portato sul ghiacciaio per proseguire le ricerche con i droni. Al momento risultano  16 auto senza proprietario ferme nei parcheggi a piedi della Marmolada. Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico ha istituto un numero telefonico – 0461 495272 – finalizzato alla segnalazione del mancato rientro di amici e familiari dalle escursioni.

Il Capo della Protezione Civile

Si è staccato “un fiume di ghiaccio. C’è stato un crollo del ghiacciaio e si è staccata una massa di enormi dimensioni che ha percorso il ghiacciaio per chilometri scavalcando un seracco e arrivando fino nella parte inferiore del ghiacciaio. Tutto quello che potevamo fare in sicurezza è stato fatto”, ha detto il capo della Protezione civile del Trentino, Raffaele de Col. (Skytg24)

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)