Connect with us

Senza categoria

Assegno Unico, IL PAGAMENTO su Rdc NON ARRIVA: INPS FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE! COSA STA ACCADENDO: ecco le nuove date, IL CALENDARIO DI LUGLIO

Pubblicato

il

Assegno unico

ASSEGNO UNICO. Assegno unico su Rdc non pagato? Chi non ha ancora visto accreditarsi la somma spettante dell’AU sul reddito di cittadinanza ha ancora una speranza a luglio. Scopriamo insieme cosa sta accadendo.

Assegno unico su Rdc non pagato – Il punto della situazione a inizio luglio 2022

Molti lettori ci hanno segnalato che risulta l’assegno unico su Rdc non pagato a luglio. Facciamo il punto della situazione informandovi sulle nuove comunicazioni dell’INPS.

Avevamo già parlato delle possibili date per il pagamento dell’ assegno unico su Rdc luglio in questo articolo su thewam.net e in effetti molti ci hanno segnalato di averlo ricevuto.

Ci risulta però anche l’assegno unico sul reddito di cittadinanza non pagato per tanti. Vediamo di fare il punto della situazione.

A fine giugno 2022, l’INPS comunica che avrebbe iniziato a pagare l’assegno unico su Rdc a partire dal 28 dello stesso mese e per i successivi giorni – il 29 e il 30 giugno – mentre le ricariche del Reddito di cittadinanza sarebbero partite dal giorno precedente, cioè dal 27 giugno.

Per tutti coloro che avevano compilato il modulo Rdc-com Au a maggio per sbloccare le ricariche, l’assegno unico è stato accreditato a partire dal 16 giugno 2022.

I pagamenti dell’assegno unico su Rdc

Comprendono anche gli arretratiche spettano di diritto a tutti i percettori di Reddito di cittadinanza, così come ha specificato l’INPS stesso nel messaggio numero 2537 del 22 giugno 2022.

In questo messaggio, l’Istituto chiarisce che chi percepisce reddito di cittadinanza e ha compilato il modello per il corretto calcolo dell’importo spettante a partire da marzo, non avrebbe dovuto più rispettare lascadenza del 30 giugno 2022 per la presentazione della domanda, perché gli arretrati sarebbero spettati di diritto in quanto possessori di Rdc, in base al decreto legislativo n. 230/2021, che prevede in questo caso una corresponsione d’ufficio.

Ebbene: siamo arrivati al 6 luglio 2022 e molti ci segnalano ancora una situazione di assegno unico su Rdc non pagato.

Abbiamo però una speranza, che ci viene data dalla risposta dell’INPS a un utente che ha scritto sulla pagina Facebook ufficiale dell’Istituto, come ti diremo a breve.

Assegno unico su Rdc non pagato: L’INPS dà una speranza per luglio

Sull’assegno unico su Rdc non pagato, però, l’INPS dà ancora una speranza per il mese di luglio 2022.

La rassicurazione proviene dalla risposta fornita a un utente della pagina Facebook ufficiale dell’Istituto, INPS per la Famiglia, il quale si lamentava del fatto di non aver ancora ricevuto l’assegno unico su Rdcnelle date comunicate a fine giugno, ovvero il 28, il 29 e il 30 dello stesso mese.

L’INPS ha risposto che ci saranno delle nuove lavorazioni nel mese di luglio e la competenza spettante è quella di maggio 2022

Come vi avevamo già precisato, infatti, è difficile che l’INPS, stando a quanto visto fino adesso, emetta più pagamenti nello stesso mese, per cui ci dovremo aspettare il saldo degli arretrati con disposizioni di pagamento mensili e probabili finestre temporali di 15 giorni che andranno a scaglionare la platea dei beneficiari.

In pratica, l’Istituto programmerà diversi pagamenti per utenti diversi, e non per gli stessi, in modo da far recuperare gli arretrati il prima possibile. Ci sarà poi un conguaglio finale, prima del rinnovo della domanda nel 2023? L’INPS, nei prossimi mesi, agirà diversamente? Questo, al momento, non possiamo saperlo, ma vi terremo aggiornati come sempre su tutte le novità, quindi continuate a seguirci.

Assegno unico su Rdc non pagato: come verificare lo stato della domanda e dei pagamenti

Come vi dicevamo, non possiamo sapere i motivi dell’assegno unico su Rdc non pagato. È vero che l’INPS ha comunicato che l’assegno unicospetta di diritto a tutti i percettori di reddito di cittadinanza, ma è sempre bene tenere d’occhio la situazione, perché potrebbero esserci alcuni casi particolari per i quali l’Istituto ha temporaneamente bloccato i pagamenti per accertamenti e controlli.

Per togliervi tutti i dubbi, vi consigliamo di verificare periodicamente il vostro fascicolo previdenziale, nel quale potete anche controllare lostato dei pagamenti.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)