Connect with us

Senza categoria

“Amo ho troppo male, andiamo in ospedale”. Giovane papà muore dopo il ricovero: il dramma di Paolo, aveva 45 anni. Lascia una bimba

Pubblicato

il

paolo-dabbraccio

Piedimonte Matese. Muore a 45 anni dopo dei dolori addominali e il ricovero familiari chiedono giustizia. Ieri la terribile notizia della morte del conosciuto e apprezzato Paolo D’Abbraccio di 45 anni, sposato e padre di una bambina.

L’uomo è morto presso l’ospedale di Piedimonte Matese, dopo il ricovero avvenuto alcuni giorni fa a seguito di atroci dolori addominali. Secondo indiscrezioni pare che il 45enne dovesse essere sottoposto ad un intervento di ernia ombelicale, poi, l’improvvisa notizia del suo decesso, sulla quale già stanno investigando le forze dell’ordine, a seguito della denuncia sporta dai familiari che chiedono giustizia. (Casertace)

Da Paolo a Filip – Accende il barbecue con l’alcool e viene travolto dalle fiamme: Filippo muore bruciato vivo a soli 20 anni. Il dramma a Casoria

CASORIA. Ha perso la vita per le complicanze sopraggiunte in seguito a ustioni causate da una fiamma di ritorno. A Casoria, in provincia di Napoli, aveva acceso una griglia da barbecue, utilizzando l’alcol etilico per alimentare il fuoco, ma la fiamma di ritorno lo ha investito e ustionato in varie parti del corpo. Sul posto i carabinieri del nucleo operativo e radiomibile dei carabinieri di Casoria.

Dramma a Casoria – I Fatti

Il ragazzo è stato trasportato all’ospedale Cardarelli, in ambulanza, dove è deceduto in seguito a complicazioni cliniche. La salma è stata restituita alla famimglia.

Il 20enne morto per un ritorno di fiamma del barbecue che stava preparando nella sua casa a Casoria (Napoli), inizialmente era stato portato all’ospedale di Frattamaggiore, dov’era stato intubato. Visto che le sue condizioni erano in peggioramento, i medici avevano deciso di trasferirlo al Cardarelli a Napoli ma il ragazzo, a quanto precisano fonti investigative, è deceduto prima.

La vittima

A perdere la vita è Filippo Giuseppe Marzatico. Un giovane deejay che nelle discoteche locali era conosciuto con il nome d’arte di Filip Master. Il ragazzo ha spruzzato dell’alcol etilico sulla fiamma già alta che si era accesa con la combustione di carta e cartone adagiati sopra la carbonella. Ma una fiammata lo ha investito, ustionandolo su tutto il corpo. Poi le fiamme si sono estinte da sole, lasciando il ragazzo ferito gravemente.

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)