Connect with us

Senza categoria

BONUS 200 EURO, CAMBIA TUTTO ALL’ULTIMO MINUTO: NIENTE PIU’ SOLDI A QUESTE CATEGORIE! Verifica qui a chi spetta il sussidio: le ultimissime

Pubblicato

il

bonus 200 euro

BONUS 200 EURO. Niente bonus 200 euro a chi è senza lavoro, poveri e precari: scopri quali sono le categorie tagliate fuori dal Decreto Aiuti e perché.

Bonus 200 euro a chi è senza lavoro? Scopri perché il Decreto Aiuti non considera disoccupati, poveri e precari.

Niente bonus 200 euro a chi è senza lavoro, poveri e precari: malcontento generale

Dopo un momento iniziale in cui l’euforia dominava in tutta Italia per la pioggia di bonus erogati dallo Stato con il cosiddetto Decreto Aiuti, la notizia dell’esclusione del bonus 200 euro a chi è senza lavoro, ai poveri e ai precari ha ridimensionato lo stato d’animo anche degli aventi diritto.

La corsa al bonus 200 euro è ancora aperta

Quantomeno si riesce a pagare metà della bolletta della luce o del gas, per un mese. Ma è proprio questo il punto. Le altre bollette, gli italiani le pagheranno senza bonus 200 euro e senza l’aumento degli stipendi, un provvedimento di cui si parla spesso ma che non è stato ancora attuato.

Ma c’è soprattutto una domanda che fa letteralmente infuriare alcune categorie tagliate fuori da questi aiuti. Perché niente bonus 200 euro a chi è senza lavoro, poveri e precari?

Niente bonus 200 euro a chi è senza lavoro: le categorie tagliate fuori

Niente bonus 200 euro a chi è senza lavoro, quindi, e questo vuol dire che il contributo non verrà erogato – almeno stando a quanto ha deciso il Governo al momento – alle categorie più fragili e bisognose: ipoveri, i precari e chi è stato licenziato a giugno.

L’erogazione dei bonus 200 euro previsti dal Decreto Aiuti è partita a luglio e molti fortunati hanno già ricevuto la somma sulla propria busta paga o sul conto corrente. Altre categorie lo riceveranno nei prossimi giorni o, al più tardi, nei prossimi mesi.

Ci sono, poi, delle categorie che il bonus 200 euro potrebbero non riceverlo mai

Che poi sono quelle che ne avrebbero più necessità: poveri,precari e disoccupati. Usiamo il condizionale perché ci auguriamo ancora che il Governo intervenga su quella che può essere considerata una vera e propria ingiustizia.

Non riceveranno alcun tipo di aiuto una tantum i lavoratori precari, gli agricoli, i lavoratori dello spettacolo che hanno meno di cinquanta giornate lavorative nel 2021 e i lavoratori licenziati a giugno e senza contratto a luglio.

Bonus 200 euro a chi è senza lavoro: disoccupati e precari

Niente bonus 200 euro a chi è senza lavoro perché è disoccupato e ha percepito la Naspi fino a maggio, così come anche:

  • Tutti i lavoratori con contratti che non prevedono contribuzione, ad esempio stage e tirocini
  • I lavoratori delle Cooperative di tipo B che reinseriscono al lavoro le persone svantaggiate (disabili, minori in situazione di difficoltà familiare, detenuti ammessi alle misure alternative)
  • Dottorandi e assegnisti di ricerca Lavoratori socialmente utili Lavoratori autonomi occasionali

Da questo elenco salta subito all’occhio che non solo non viene considerato il bonus 200 euro a disoccupati, ma anche ad altre categorie che nei fatti sono troppo povere o precarie per percepirlo, come se la povertà fosse una condizione che esclude dal diritto a ottenere un’indennità finalizzata ad affrontare il caro vita. È quello che viene chiamato paradosso, in sostanza.

Niente bonus 200 euro a chi è senza lavoro: i precari della scuola

Niente bonus 200 euro a chi è senza lavoro ed è precario della scuola, ovvero tutti gli insegnanti non di ruolo che vengono licenziati a giugno o che andranno in pensione dal 1° luglio.

Ma per i docenti e per il personale ATA, a prescindere che siano precari o meno, la situazione si fa ancora più complicata. Pur essendo dipendenti della scuola, docenti e personale ATA rischiano di non ottenere comunque il bonus 200 euro, come spiegheremo nel prossimo paragrafo.

Bonus 200 euro a chi è senza lavoro: a rischio anche docenti e personale ATA

Bonus 200 euro a chi è senza lavoro ma a rischio anche chi il lavoro ce l’ha! Il Decreto Aiuti, infatti, specifica che “potranno ricevere l’indennità una tantum i lavoratori dipendenti, del pubblico e del privato, titolari di uno o più rapporti di lavoro. Aventi diritto all’esonero contributivo dello 0,8% per la retribuzione mensile nel periodo dal 1° gennaio 2022 fino al giorno precedente la pubblicazione della circolare”.

La legge

L’esonero contributivo dello 0,8% è previsto dal comma 21 della legge 234/2021 (Legge di Bilancio). Che prevede “in via eccezionale, per i periodi di paga dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022, per i rapporti di lavoro dipendente, con esclusione dei rapporti di lavoro domestico, è riconosciuto un esonero sulla quota dei contributi previdenziali. Per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore di 0,8 punti percentuali a condizione che la retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non ecceda l’importo mensile di 2.692 euro, maggiorato, per la competenza del mese di dicembre, del rateo di tredicesima. Tenuto conto dell’eccezionalità della misura di cui al primo periodo, resta ferma l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche”.

Quindi, per riassumere, condizione essenziale per ottenere il bonus 200 è quella di aver ottenuto lo sgravio contributivo in busta paga. NoiPAha avviato le attività per l’aggiornamento delle procedure del suo sistema da marzo e da aprile dovrebbero esserci stati i primi sgravi, visibili in busta paga alla voce “Esonero IVS Legge 234/2021”.

La domanda è:

i docenti e il personale ATA che non hanno ancora ricevuto lo sgravio, comprensivo degli arretrati da gennaio, essendo lo sgravio condizione obbligatoria per aver diritto all’indennizzo, otterranno il bonus 200 euro?

Stando alla citazione del comma 21 della legge 234/2021, no. Per questo ci aspettiamo che la platea dei malcontenti aumenti a dismisura, a breve, e che la pioggia dei bonus lasci il posto a un diluvio di imprecazioni!

Non ci resta che attendere il 22 luglio 2022, cioè la data di accredito dello stipendio per il personale scolastico a tempo indeterminato. (TheWam)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)